Già Natale?

Situazione: un mese fa mi aveva chiamato San Lorenzo proponendomi di portarmi un altro po’ di prodotti che a suo tempo ordinai. La conversazione all’incirca fu (riassumo):
“Salve signor Tambu, passiamo dalle sue parti, vuole che le portiamo qualcosa?”
“mah non so”
“si vedo che aveva ordinato [elenca i prodotti], abita sempre in [indirizzo]?”
“beh si, ma si dai prendo qualcosa. chiamo il numero verde o faccio l’ordine sul sito?”
“no perchéé, sa, qua è il corriere comunque dica pure a me”
“va bene, mi porti 6 bottiglie di rosso del conero”
“ok, paga alla consegna, la chiamiamo appena siamo in zona”.

Passano 15 giorni e mi chiama. “se tra un’ora passiamo troviamo qualcuno?” “si.”
Non è mai passato nessuno.

Ora, d’accordo che non ho pagato nulla, ma ormai mi sono fatto l’idea che questo corriere si sia sgraffignato un tot di merce e che la stia piazzando a coloro ai quali l’ha già portata, prendendo i dati dalle bolle di accompagnamento. Per verifica domani chiamo direttamente San Lorenzo e dipaniamo la matassa.

Per contro oggi al mio rientro in casa trovo un pacco della Compagnia del Cavatappi. Dentro c’era una bottiglia di Refosco dal Peduncolo Rosso, annata 2004, che la mia signora apprezza particolarmente. Senza nessuna telefonata. Senza nessun ordine. Senza nemmeno avvisarmi via mail. Ammetto che sono leggermente imbarazzato, ma penso che un ringraziamento sia doveroso 🙂

UPDATE: la telefonata arrivava DAVVERO da San Lorenzo, è solo il corriere che è svanito e dopo 15 giorni chissà dov’è il mio vino.
il pacco del Cavatappi, come spiegato nei commenti, è un regalo di un amico blogger, anche se ancora non so chi 🙂

UPDATE 2: mi è venuto in mente chi sia! Grazie, amico! 🙂

Come Google Analytics traccia la conversione dei referral

questo post si è trasferito riveduto e ampliato su
goanalytics.info

[libera traduzione e adattamento di una parte del post “How Does Google Analytics track Conversion referrals” su Analytic Talk]

L’informazione sul COME un visitatore arriva sul tuo sito viene conservata in un cookie sul suo computer. Questo cookie conserva l’informazione sul referral per l’intera durata della sua sessione di visita. Traccia anche i referral organici, i click sulle campagne, i click su link non taggati e le visite dirette.
Ogni volta che un visitatore approda sul tuo sito il codice tracciante inserito in urchin.js aggiorna il cookie con le informazioni appropriate sulla campagna. Quando il cookie viene aggiornato GA dimentica le informazioni sulla campagna precedente. Il risultato è che GA traccia solamente la campagna corrente, e non lo STORICO. (significa che non potete sapere se uno stesso utente è arrivato una volta da google e la seconda volta digitando direttamente ndTambu)

Ciò premesso, esiste un ordine nel quale le attività sovrascrivono i dati nel cookie tracciante. Vediamo come GA raggruppa il vostro traffico in termini di referral:

  • Campagne: click su link che avete taggato appositamente con le informazioni sulle varie campagne
  • Referrals: click su link su altre pagine
  • Traffico diretto: persone che digitano direttamente l’indirizzo nel browser (e, aggiungo, visite da aggregatori desktop e simili. ndTambu)
  • Organico: traffico proveniente dalle pagine dei risultati dei motori di ricerca

Ora ecco come GA aggiorna il cookie di tracciamento campagne in base ala sorgente della visita:

  • il traffico diretto è SEMPRE sovrascritto dai referral, dal traffico organico e dalle campagne
  • NUOVI referral, link da organici e campagne che portano un visitatore sulle vostre pagine sovrascrivono SEMPRE l’informazione sulla campagna scritta nel cookie

Facciamo un esempio: Un visitatore arriva sul vostro sito cliccando la vostra newsletter (che dovrete avere precedentemente taggato, ovviamente. ndTambu). Si guarda un po’ in giro e decide di andarsene. Quando abbandona il sito il cookie della campagna resta sul suo PC e indica che è arrivato tramite newsletter. Lo stesso visitatore decide di tornare il giorno successivo e scrive direttamente l’URL nel suo browser. Il cookie della campagna indica ancora che il visitatore arriva tramite newsletter, perché la seconda visita è una visita diretta, e il traffico diretto NON sovrascrive una campagna.

Tenetelo presente quando non vi torna qualcosa 🙂

PRINCOglioniti!

DVD princoHo sempre avuto il sospetto che i CD/DVD Princo non fossero proprio di qualità eccelsa, ma me ne sono sempre sbattuto abbastanza; i miei amici mi dicevano che gli ultimi settori davano sempre noie, ma io non li ho mai riempiti fino in fondo.

Qualche sospetto in più ho iniziato ad averlo quando ho prestato un’intera serie televisiva ad un collega, tutta masterizzata su DVD Princo, e lui me l’ha riconsegnata con un foglietto in cui elecava per ogni DVD le puntate che non si vedevano.

Quindi, dopo che ieri sera la mia copia di backup di Carlito’s Way s’è bloccata a pochi secondi dalla fine (costringendomi ad alzarmi per prendere l’originale che era ovviamente nel punto più in alto della libreria), ho deciso che li butto tutti nel cesso e li sostituisco piano piano!