catena bibliaria

ok, faccio questa catena che mi passa lacuoca, basta che non ci prendiate gusto a nominarmi 😛 😛

Libri che posseggo nella mia biblioteca e in genere:
La mia biblioteca non è molto fornita. Da piccolo prendevo i libri in prestito in biblioteca e quando ho avuto il periodo di calo della lettura non ho mai ricomprato manco quelli che meritavano. La mia biblioteca quindi mi rappresenta solo in parte. comunque vediamo un po’… molta fantascienza, Asimov su tutti, ma anche molte raccolte di racconti. Mi piace il racconto breve in fantascienza, credo che sia il suo habitat naturale. L’opera completa di H.P.Lovecraft. Libri di informatica, quasi sempre abbandonati dopo il secondo capitolo (tanto si impara meglio facendo, no? 😛 ), libri comici, testi di canzoni, saggi di astronomia, minerali e tecnica e strategia di guerra. Un capitolo a parte andrebbe dedicato ai libri sul Titanic: ne avevo già scritto qua

P.S. alla fine della 5° elementare ci hanno regalato i libri che la scuola aveva comprato per noi durante l’ultimo biennio. E’ successo solo a me? 🙂
Io li conservo ancora 🙂 🙂

Ultimo libro che hai comprato
Langewiesche William – Terrore dal mare

Libro che sto (ri)leggendo ora
Terrore dal mare, ovviamente.
H.P.Lovecraft – Tutti i racconti vol. 2
Franco Carlini – Parole di carta e di web
Nicholas Negroponte – Essere digitali

3 libri che consiglio ad altri blogger e perchè
Robert Pirsig – Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta: non serve essere motociclisti per leggerlo. Se si usa una moto lo si apprezzerà maggiormente, ma le elucubrazioni filosofiche sulla qualità e il modo tutto sommato semplice di raccontarle andrebbero lette da tutti almeno una volta nella vita.

Tahar Ben Jelloun – Il libro del buio: libri che raccontano di tragedie e sofferenze ce ne sono molti; forse ci sono addirittura più libri che tragedie eclatanti, anche se penso che la maggior parte degli orrori non verrà mai rivelata agli occhi del mondo. Ecco, questo libro denuncia la storia dei detenuti del bagno penale di Tazmamart, prima che il certosino lavoro di cancellazione delle prove dalla memoria collettiva compia il suo corso. Andrebbe letto per impedire che si possa dimenticare un orrore simile. Perchè la maturità e l’approdo alla democrazia di un popolo e del suo governo passano anche dall’ammissione dei propri errori.

Geoffrey Marcus – Il viaggio inaugurale del Titanic (o se avete TANTI soldi da spendere: Don Lynch – Titanic): per non farsi traviare troppo dal film di Spielberg, anzi per cambiare idea e capire che le cose sono andate DAVVERO così. E che con quel naufragio è finita un’epoca, l’epoca dei gentiluomini pronti a morire per salvare qualcun altro.

Cinque blogger cui passo il testimone + 1

gli altri hanno più o meno già dato.

Leave a Reply

7 Comments

  1. Nervo

    Uh, stavo per scrivere la stessa cosa 🙂
    Ok, raccolgo il testimone, con calma eh 🙂

  2. si, lapsus mio… in ‘sti giorni esce “la guerra dei mondi” e mi son sconfuso 😛

  3. Nervo

    La guerra dei mondi è un film spettacolarissimo!

  4. dici? sara’ che avevo un’ aspettativa veramente alta su quest’uscita, ma sono rimasto mezzo deluso dal film…

  5. lacuoca

    Il libro del buio dev’essere splendido…

    p.s. sono lusingata!!! ;P

  6. Pingback: 30 seconds to Tambu · catena bibliaria 2

Next ArticleCaio Giulio Cesare