Interscambio interstellare

E quindi eccoli qui, i “primi” parcheggi di interscambio.
Primocanale ha dimenticato una parola, “a pagamento”, perché almeno quello di Marassi lo è già, un parcheggio di interscambio. E la cosa è confermata dal cartello, che così lo nomina. Noi ci parcheggiamo spesso, quando dobbiamo uscire con due mezzi oppure piove a dirotto. Lasciamo lì la macchina, e spendiamo 3 euro per andare in centro. A volte altri 3 per tornare indietro, ma a volte meno (oppure 0, se appunto abbiamo anche il motorino).

Adesso diventa a pagamento: sulle prime ero favorevole, poi ci ho ripensato. Vediamo: se hai l’abbonamento AMT resta gratis. Discriminante. Se non ce l’hai costa 6 euro. Se si parla di due persone, quel costo copre 4 biglietti. Se vai a lavorare sei in pari, se stai tutto il giorno sui mezzi ci guadagni (ma è improbabile che lasci lì la macchina per andare fino a Pegli in autobus, no?). Se sei da solo ci perdi praticamente sempre.

Risultato? mi infilo con la macchina in centro, che con 6 euro ci faccio 3 ore di sosta in un silos, e intaso un po’ di più il traffico, e l’aria mentre aspetto col motore acceso il mio turno per parcheggiare.

Leave a Reply

6 Comments

  1. Karminio

    Per chi abita in Val Bisagno penso che convenga parcheggiare da qualche parte a Staglieno lungo la strada, tanto a Marassi passano gli stessi mezzi che trovi all’altezza di S.Gottardo. Per fare una cosa furba dovevano mettere un pagamento da 2-3€ max.
    Magari ci ripenseranno quando vedranno che non sarà cambiato nulla ed il parcheggio sarà semivuoto come adesso.

  2. veramente adesso è sempre pieno, dopo una certa ora non si trova posto!

  3. imbarco

    anche vicino a casa mia in centro a roma c’è un parcheggio di interscambio che, se sei abbonato alla metro e bus, paghi 0 (cioè 30 euro di abbonamento mensile per i mezzi) ma la cosa divertente è che all’inizio del mese, presentando il tuo abbonamento, devi ritirare un tesserino che devi esporre in macchina. peccato che devi fare gli appostamenti all’omino che non è sempre lì, non si sa mai a che ora e quale giorno si materializzerà dentro l’area parcheggio. e se non lo becchi entro la prima settimana ti attacchi al tram….

    se non hai l’abbonamento il parcheggio costa esattamente come tutti gli altri parcheggi a pagamento di roma, con strisce blu: una fucilata! e anche qui è sempre zeppo! non trovi mai un buco, credo sia necessario arrivare all’alba per stare tranquillo. ci sono delle scene divertentissime di automobilisti che ti seguono mentre cammini a piedi per tutto il parcheggio per vedere quale posto libererai. davvero incredibile. forse tutto questo è pluasibile a roma, diciamo che uno se lo aspetta, ma a genova la vedo un po’ più complicata nel senso che andare da un capo all’altro della città in macchina è più facile di quanto non lo sia qui e sicuramente si risparmia tempo e denaro perchè 6 euro mi pare davvero tanto….

  4. Pingback: 30 seconds to Tambu · Interscambio intergalattico

  5. Pingback: 30 seconds to Tambu · Interscambio interspaziale

Next Articlescatti di crescita