Della chitta e del cuccao

La chitta è la forchetta, e ovviamente il cuccao è il cucchiaio (ma vuol anche dire “contrario”, tipo quando ci avvisa che le infiliamo le ciabatte al rovescio 😛 ). Poi da poco esiste il cuccàino, capite da soli cosa è 😀

E questa è lei l’altra sera in pizzeria, mentre si sbafa mezza margherita e una coppa di macedonia, destreggiandosi abilmente tra forchette piccole e grandi e cucchiai, e scegliendo con cura la posata più adatta al pezzo di frutta o alla sua ubicazione (sul tavolo o nella coppetta 😀 )

Leave a Reply

10 Comments

  1. ClaudioBG

    Che amore!!! ^___^

  2. impegnatissima! e bravissima eh!

    devo dire che è cambiata tanto, per me che non la vedo da una vita.
    è sempre la copia dell’Ale, però ci vedo di più qualche flash tuo 🙂

  3. si, tra poco correggerà i tempi verbali agli altri 😛

  4. tu correggi i tempi verbali? naaaaa….. 😀

  5. mi stupisce soprattutto, quanto è pulita, Spartacus quando mangia sembra Trinità, (veramente anche quando non mangia), per fare un esempio stasera si è tolto le scarpe ha messo un piede nudo sul tavolo esclamanndo “spocco!!”

  6. è un tasto su cui abbiamo sempre battuto, ma la maggior parte del merito è dei nonni, con cui pranza tutti i giorni 🙂

  7. alga

    anche a ruta, alle prese con il merluzzo e le patate lesse, è andata alla grande 🙂

  8. Ne riparleremo quando arriverà il maschio… 😉

  9. Barbara

    Un mito di bambina troppo brava , complimenti ai genitori

Next Articleoh oh