Non può che peggiorare – 4

Magari potresti avere a che fare con uffici più inefficienti di quelli che ti costringono a prendere il treno e andare in un’altra città per pagare una multa, se non hai internet…

potresti avere a che fare con una sanità meno efficiente di quella italiana, che scopre il tuo tumore per tempo (e per caso) e “meno male che l’abbiamo scoperto adesso” e però quando vai a fare la chemio “non hai i valori abbastanza alti, non servirebbe”. E certo, e allora che cazzo ti vanti di averlo scoperto presto? (edit: scritta così sembro io. ovviamente si tratta di conoscente e di un fatto vero.)

potresti non notare i segni della decadenza che avanza, magari sotto forma di ascensore rotto da più di una settimana in un palazzo di uffici nel centro-centrissimo di Genova, magari sotto forma di oggetti elettronici comprato in $grandecatena che è la terza volta che devi portarli indietro perché i magazzinieri ci giocano a pallone, coi pacchi. O magari semplicemente sotto forma di saracinesca di un complesso di box spaccata da 10 giorni. Si inizia così e si finisce come nel “condominio” di Ballard, che mai come in questi tempi è stato così vivido e reale. All’inizio è una lampadina bruciata, poi è l’aria condizionata, e si finisce a uccidere il vicino per il controllo della piscina, a non andare al lavoro per fare scorribande al ventunesimo piano e a non avere l’acqua per lavarsi. Se vi capita, leggetelo quel libro, potrebbe servirvi in futuro…

Poi magari dici semplicemente, durante un pranzo, “pare che il grano stia per finire, la vedo male” e intorno a te è un fiorire di battute. E allora ok, dai, va tutto bene così, avete ragione voi…

Leave a Reply

9 Comments

  1. fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce

  2. Barbara

    Io sottoscrivo il commento di estrellita … a me capita di lasciarmi trascinare nella negatività ma poi mi basta pensare a chi sta veramente male sia come situazione di vita che come salute … di questi tempi sinceramente mi basta pensare alla famiglia di un amico (sanissimo) che domenica scorsa è stato stroncato da un infarto ( 44 anni) lasciando una moglie e una bambina …. uno shock

  3. non è chiudendo gli occhi o pensando in piccolo che i problemi spariranno, però…

  4. ma non spariscono neanche se ti concentri solo su quelli

  5. Non so più che è stato a dire qualcosa del genere: il deserto avanza, ma colui che vede crescere il deserto non appartiene al deserto.
    Io sto con Tambu.

  6. Barbara

    Tambu c’era da aspettaselo ( quello dei cani) visto l’andazzo di leggi & Co nei confronti dei pelosi … del resto detto tra noi io ho due cani visto il ritrovamento di pulci e zecche sulle carrozze io i miei cani mica li porterei in treno ! 😛 Sherzi a parte l’unica soluzione è migrare verso paesi più civili , potendo

  7. eh no. ti basta pensare, che so, al Burundi, per farti andare benissimo questo paese, l’hai detto prima 🙂

  8. Tra “farsi andare benissimo” questo paese e schifare la serotonina in ogni sua forma ci passano più metri che tra Berlusconi e la punta del suo naso.
    No, per dire.

Next ArticleFa parte di me