kawasaki Z750 MY 2007

z750 2007(per i non avvezzi MY sta per “model year” 😉 )

Sabato giretto in moto con Razzu, Guzzo e Giorgio, quest’ultimo fresco possessore di una z750 nuova. Superato il traffico cittadino ci siamo avventurati su per il Passo del Turchino, che ha sempre il suo fascino (e LA curva perfetta) nonostante l’asfalto non bellissimo in alcuni punti. Poi Rossiglione / Tiglieto e poco prima della sosta caffè mi sono permesso di provare il mezzo nuovo (tanto avevo la tuta – Giorgio tu non leggere 😛 ).

Per me che ne vengo dal modello precedente – la mia è del 2005 e non ha modifiche al motore o alle sospensioni – è stata una prova d’impatto: appena salito mi sono accorto della posizione di guida “strana”. Il manubrio è più stretto della mia, e quindi le braccia più raccolte portano il busto a stare leggermente più eretto. Il serbatoio è più grande (tiene 1,5 litri più della mia) e ho anche l’impressione che le gambe debbano stare leggermente più divaricate, ma qua è proprio questione di millimetri. Anzi, sul sito dicono che è più stretto del precedente, boh!

Di motore mi sembra assolutamente identica, il buon vecchio propulsore della casa di Akashi è generoso anche ai bassi regimi – e comunque essendo in rodaggio mica potevo strozzarla – e regala un piacere di guida senza strattoni; veramente stupefacente il cambio, silenziosissimo nell’innesto della prima e di tutte le altre marce: Io sono abituato ai CO-CLONK della mia e anche a smanettare un po’ ai semafori per riportarla in folle. La corsa del cambio nella configurazione standard è più lunga della mia, cosa molto fastidiosa ma che per fortuna può essere regolata, come tutte le moto serie.


Capitolo tenuta di strada: qua sono contrastato. Da un lato mi è sembrata DECISAMENTE più lenta nei cambi di direzione e da buttare giù in, dall’altro lato mi è anche sembrata più stabile della mia in curva, almeno finché non ho preso un fosso. Sicuramente questo punto della prova andrebbe ripetuto con più dettagli: primo, io ho le gomme quasi finite e mi sono dimenticato di guardare cosa monta di default la Z750 nuova (anzi, Giorgio palèsati nei commenti e aggiornaci: è sempre il Bridgestone BT012? ), secondo io ho aggiunto una tacca di precarico alla molla rispetto a come esce di fabbrica. La forcella rovesciata ritengo sia solo una questione estetica e non possa costituire tutta la differenza. Terzo Giorgio è un fermone e con tutta quella cera sui bordi della gomma non potevo rischiare una piega estrema 😀
In generale però la sensazione è buona.

L’estetica è principalmente un fattore personale, ed emozionale. Vedendo sempre la mia in garage, con le mie piccole personalizzazioni, anche un modello standard di anno uguale mi piace meno. Devo dire però che alcune scelte di Kawasaki nel modello 2007 mi hanno fatto inizialmente storcere il naso, ma mi ci sono abituato subito: parlo ad esempio dei raccordi tra i telaietti copriradiatore e la plastica sotto la sella, o del faro anteriore. Altre cose invece proprio non mi vanno giù, come lo scarico troppo grosso (non la forma, che è anche carina, proprio la dimensione), il faro posteriore senza gli “occhietti” e il contagiri analogico.

Comunque ritengo che resti sempre e comunque un’ottima scelta per il mondo delle naked. Forse un pelo più ostica di una hornet, sicuramente più affascinante del Suzuki GSR.


Il resto del giretto, per dovere di cronaca, è stato tranquillo. Ho grattato una pedalina in una splendida curva che non ricordavo esistesse, abbiamo saccheggiato la casa in campagna di Razzu con una pasta al sugo calbrese di verdure e qualche affettato, poi siamo tornati a casa 🙂