l’orizzonte della blogosfera

la blogosferaAl pari dell'[[orizzonte degli eventi]], il limite di un buco nero che luce e materia non possono sorpassare, deve esistere anche un confine della “personal blogosfera”, cioè un numero massimo di fonti dalla quale si attinge informazioni.
Come avete potuto vedere nel post precedente, attualmente ho 172 feed rss nell’aggregatore: 84 sono blog, blog senza una categoria specifica, blog di persone che conversano; (per contro, il blog di < edit > sta in una categoria Tech, così come downloadblog piuttosto che alcuni feed dell’ANSA. ma non è la classificazione che ci interessa in questo post)

E’ vero che per fortuna molti di questi 172 sono aggiornati poco o trattano temi prettamente tecnici, o sono comunque procrastinabili o “di servizio”; ma altrettanto vero è che ci fu un tempo in cui cercavo di limitare a 100 il numero massimo di oggetti nell’aggregatore. Infranto quel numero quando mi sono accorto che era impossibile, che mi perdevo TROPPE fonti interessanti, sono via via cresciuto fino alla cifra attuale. E temo che di ritorno dal Barcamp la cosa possa ripetersi amplificata.

Il problema, semmai, è che so che mi sto tutt’ora perdendo fonti interessanti, le conosco perché altri ne parlano, perché altri le linkano. Luca Conti qualche tempo fa disse che aveva oltre 500 feed nel suo aggregatore. Io ci credo, so che molti gli servono per lavoro ma so anche che una persona normale (mi perdoni Luca se in questo lo considero fuori dalla norma 🙂 ) non può riuscire a stargli dietro.

con 172 fonti posso permettermi di buttarci un occhio un quarto d’ora la mattina, mentre apro la posta dell’ufficio e faccio mente locale sul lavoro quotidiano, e qualche minuto ogni tanto per staccare un po’ la spina… spesso mi ritrovo a fine giornata con item non letti. Ma il dilemma persiste: aggiungere fonti interessanti e sperare prima o poi di leggerle o rassegnarsi a perdere qualcosa?

Eppur s’è mosso!

migrazione
Adoro quando muovo un feed dal gruppo “splinder” al gruppo “blog” 🙂

Spesso coincide con una nuova installazione WordPress, e questo caso non è da meno. diamo un benvenuto a cronachesorprese nella blogosfera “come si deve”, sono sicuro che non c’è bisogno di stringersi troppo per farcelo stare 😀