Living on MY my own

(il titolo è una dotta citazione 🙂 )

La mia nuova tana ha il parquet dell’ikea con le bolle d’aria sotto, che scricchiola quando ci passi sopra ma non è mai freddo se ci cammini scalzo. Ha una camera MOLTO jappo, che si addice bene alle zori-zattera che uso per casa, e i cassetti del comò sembrano automatici ma non sono elettrici.

La mia nuova tana ha un bagno coloratissimo, molto messicano dicono, bianco giallo e blu; ha un giardino che non è ancora un giardino (e non è nemmeno un terrazzo: E’ in quanto esiste ma non ha una forma nè uno stato riconducibile ad alcunchè…) e un posto al caldo dove tenere la moto la macchina.

La mia nuova tana ha una cucina molto bella, e non lo dico io; lo dicono tutti quelli che l’hanno vista, quindi forse è vero. La mia nuova tana ha poco altro, ci sono scatole ovunque e ci resteranno fino a quando non avremo i soldi per comprare gli altri mobili.

Ci sono andato a vivere con lei (già decanta le doti di WordPress e presto farà il salto di qualità 😉 ) – che se ci penso a me 20 milioni di euro per Splinder sembrano pure pochi – e con la pigra palla pelosa – che si merita una categoria a parte con la raccolta delle cattiverie che gli dico ogni giorno 🙂

Leave a Reply

11 Comments

  1. Citazione per citazione:

    Eraoraporcozzìo!

    Ma almeno tu le porte ce l’hai, ti farò vedere il lenzuolo con cui tengo chiusa l’apertura che tiene il posto alla porta del bagno che verrà 😀

  2. Evvai! 😉
    Yeah yeah yeah 😉
    Ormai il dado è tratto, Tambu 😛

  3. Barbara

    Ma riuscirà a sopportarti? Evviva IKEA in ogni caso ma qualche foto?

  4. Ue, che bella notizia questa con cui vado a dormire.

    Sono indeciso se augurarti belle cose o essere profondamente invidioso ….. facciamo tutte e due va 😛

  5. Consy

    Ma… ma… io non sapevo niente di emtrambiambeduevoi :)))))
    Ma che bella sorpresa!!!!
    🙂

  6. ti serve mica un rotolo pezzato? concima il giardino alla grande… 🙂

  7. Pingback: Il Ritorno

  8. Consy

    Grazie per l’offerta del rotolo, ma ne ho già 5 e come dire… sono di avanzo 🙂

  9. Gio

    Personalmente detesto coloro che si autoinvitano alle feste o a casa della gente (o che invitano altri a casa tua senza dirti una mazza), però adesso mi fai montare la curiosità!!
    Un giorno l’altro ti suonerò alla porta mentre te ne starai spaparanzato sul letto in boxer con laptop wirless cannuccia per la birra nell’angolo destro della bocca e nell’angolo sinistro sistema mouse ad astina (modello christopher reeve) per non disperdere energie preziose.

  10. beh, l’invito "kahuna" è già pensato. va solo collocato temporalmente e preparato adeguatamente 😉

  11. Gio

    Ottimo!!! Se non ti scazza io penso al beveraggio ;-). Intendo roba di prima necessità eh, quelle due o tre casse di Goesser necessarie alla sopravvivenza. Per le raffinatezze vinicole lascio la palla a te che mi pari più informato ultimamente 🙂

Next ArticleAllo stadio