La compagnia del Cavatappi

Avevo già letto dell’iniziativa della Compagnia del Cavatappi, un nuovo sito di vendita di prodotti tipici e del marketing via blog che sta coraggiosamente portando avanti, ma non avevo mai aperto il link per mancanza di tempo. L’ho fatto oggi dopo il post di Giovy e ho di colpo rimembrato che c’era un buono-sconto da qualche parte. Per cui vado con le mie considerazioni, che spero mi perdoneranno essere prettamente tecniche:

Il sito si presenta bene, mi piacciono i siti chiari a sfondo bianco (non so se s’era mai notato 😛 ), il layout è liquido, il logo con il cavatappi è giusto, ha senso che sia così. Non ho mai sopportato i loghi incomprensibili che non si riescono logicamente a far risalire al brand.
L’immagine dei prodotti senza immagine – scusate il gioco di parole – però è un po’ sgranata, ed è un peccato; vista la poca grafica del sito è giusto che almeno sia curata. Ottime e complete le informazioni nel footer, a norma di legge con la partita IVA, non nascondono il nome di OScommerce, la piattaforma utilizzata. Non approvo l’utilizzo di Shinystat per le statistiche, specie se in versione gratuita e benchè meno l’ostentazione del relativo bannerino. Un sito serio usa strumenti più seri per monitorare le visite e le conversioni, che siano a pagamento o gratis 😉

Sempre in home page, bene le promozioni e soprattutto la presentazione. Agli utenti piace sapere con chi si ha a che fare, specie se di mezzo ci sono dei soldi. Apprezzo in particolare la data di arrivo dei nuovi prodotti. Aggiungerei un “presunta”, perchè se ci sono dei ritardi è facile che le persone si scazzino pensando a poca precisione.
Bella la possibilità per gli utenti di inserire recensioni, alla Ebay, perchè ci si fida del giudizio delle persone, è un valore aggiunto importante. C’è qualche problema di encoding nel template, perchè dopo gli apostrofi c’è sempre un backslash (come www.lacompagniadelcavatappi.it/catalog/langhe-doc-nebbiolo-costa-russi-2000-ml-750-gaja-pri-289.html?reviews_id=16)

Nelle categorie inserirei uno spazio per gli stati esteri: sia per far capire meglio che parliamo di prodotti non italiani, sia perchè mi fa brutto avere Francia e Germania insieme a Vini e Formaggi, proprio a livello di aggregazione di concetti intendo 🙂
Inoltre alle sottocategorie darei un margin-left maggiore di qualche pixel. il solo LI indentato non mi pare sufficiente.
Agli utenti frettolosi e compulsivi, come me, piacerebbe avere una preview della foto del prodotto sull’onmouseover, giusto per capire se all’incirca è il prodotto che cerco SENZA dover leggere la scheda e tornare indietro.
Nella scheda del prodotto spenderei qualche parola in più per la descrizione del prodotto, o almeno in alcuni mi sembra lacunosa: trattandosi di cose da mangiare o me le descrivi, o me ne descrivi il sapore, o in qualche modo devi farmi capire bene di cosa si tratti. E via web non vedo altra soluzione che scrivere e scrivere e scrivere… 😉
Bello il semaforino per segnalare la quantità in magazzino, manca però un title che mi scriva qualcosa se ci staziono sopra col mouse.

Sulla colonna di destra, infine, sarebbe interessante che la recensione fosse collegata alla tipologia di prodotto selezionato. Se visualizzo una marmellata, non sarò molto propenso a leggere la recensione della stuzzichella marinata, mentre è facile che mi interessi cosa pensi un altro utente della confettura di albicocche.
Da questo punto di vista, noto con piacere che un occhio di riguardo è stato messo sull’ottimizzazione lato SEO degli URL, tramite mod-rewrite. Google sicuramente ringrazierà con piacere 😛

La scelta dei prodotti mi sembra abbastanza varia, se non ho capito male si privilegiano la gastronomia del sud, e la cosa è sicuramente interessante, data la nota quantità di LECCORNIE che quelle regioni hanno da proporre.
Ma magari dei prodotti riuscirò a parlare dopo aver fatto un ordine… 😛

Leave a Reply

4 Comments

  1. Pingback: Yaab

  2. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » La compagnia del Cavatappi…

  3. Pingback: Giorgio Taverniti Blog

  4. Pingback: » Inari? Si grazie… - Giorgio Taverniti Blog

Next ArticleFlamenco tag e dir