eroe nel vento

Normalmente sono un programmatore, in tutti i sensi. Se mi si dà abbastanza preavviso tendo a prevenire qualsiasi evenienza. “sono Wolf, risolvo problemi” vado citando ogni tanto.
Normalmente una situazione come quella di oggi la amministro in scioltezza. Calcolo le possibilità, prevedo le mosse dei compagni di partita, applico la metodica razionalizzazione degli eventi e con qualche frase ben assestata e, non lo nego, qualche sotterfugio porto quasi sempre a casa almeno un pareggio.
Il primo anno di scuola superiore me lo ricordo come fosse ieri. Suona la campanella e tutti entrano di corsa; “cosa avete? fretta di seguire le lezioni?” me la ridacchio. Cerco con calma la mia classe e quando arrivo l’unico posto vuoto è quello davanti alla cattedra, sul quale poggio le mie terga, impotente. (soltanto dopo scoprirò che è anche il meno controllato). Il secondo anno me lo ricordo come fosse stamattina: io e il mio compagno di banco, decisi a non farci fregare, al VIA scattiamo come molle, menando fendenti a destra e manca. conquistiamo un dignitoso secondo banco, salvo venire sbeffeggiati quando la prima fila si trasferisce in blocco dietro all’ultima, pochi secondi prima che la prof faccia il suo ingresso: “bene bene, Tambu e Butthead, anche quest’anno in prima fila eh?”. O_O
Oggi sono stato fregato così. Anzi peggio, me la sono cercata. Ho fatto l’eroe, mi sono sacrificato sperando in una ricompensa più alta, ma non è arrivata. Punto il dito sulla mappa del tesoro vicino alla X rossa, “scacco”. “Spiacente ragazzo, non lo sai che i veri pirati le mappe le tengono in testa? la X rossa è uno specchietto per le allodole. scacco matto” e la partita è chiusa.
Sono rimasto col cerino in mano, mi sono bruciato e ora mi lamento pure.

Quando sono così incoerente proprio non mi sopporto…

Leave a Reply

2 Comments

  1. estrellita

    lo sapevo che eri uno che stava in prima fila… :PPPP

  2. thrasher_xxx

    🙁

Next ArticleSegway