Kahuna Jr.

da ieri 3/5 dei Kahuna sono genitori. O la fine è vicina o è quasi il momento di passare il testimone alle generazioni future 🙂

Non ci si può più fidare

Certo che se nemmeno la Disney ormai è in grado di star dietro alle cose che fa, siamo messi male…
SE a Natale hai venduto la casa di Topolino, peraltro in seconda edizione differente dalla prima, e probabilmente ne hai venduti a pacchi, ALLORA è impossibile che ad Aprile non si trovino da nessuna parte – compresi i Disney store ufficiali di Roma e Milano – i personaggi aggiuntivi della suddetta casa.

Trovo ancora più irritante che i personaggi non si trovino nemmeno online, nemmeno sullo store ufficiale sul web. E no, non me li sono sognati: la casa viene data con Minnie e Topolino, Paperino l’ho trovato impolverato in un negozio genovese e Paperina l’ho acquistata a costo di un doppione di Minnie insieme al tappeto per la casa e al tavolo del the 🙂

Mi mancano Pluto e Pippo, quantomeno; on spero di trovare anche i personaggi minori ovviamente, ma non c’è verso…

Piccola sappa

E’ troppo mia figlia 😀 E io sono troppo suo padre perché ci patisco quando mi corregge 😛

“mi metto il buLLo di cacaU, dammelo!”
“a che ti serve il burro di cacao?”
“seBBE peL le labbLA”
“QUESTO LO SO, intendevo dire che non adesso non fa freddo e… lascia stare” 🙂

oppure

“doBe BA l’iLene?”
“va a fare la pappa, che è ora” (ma mentre rispondo lei aggiunge “e la Lita?”)
“L’iLene e la Lita BANNO a faLe la pappa”

pesche e ananas – 3

Insomma, queste pesche sono per te una condanna, non c’è niente da fare. Devi fare pesche, pesche e solo pesche. E insomma, a forza di fare pesche, anni a fare pesche, non sei proprio l’ultimo arrivato. Quando ti ci metti queste pesche vengon su bene, son buone, piacciono alla gente, si vendono bene.
E siccome sono un po’ come le ciliegie – una tira l’altra – non si sa come e perché la coltivazione diventa intensiva: hai sempre la stessa terra, ma devi fare 100kg di pesche in più. Fai ‘sta quintalata e poi vai a chiedere il concime, che almeno così sei sicuro di riuscire a far crescere le pesche rigogliose, ma niente concime, finito: se lo sono spartito gli altri valvassini.
“Posso diventare valvassore? sai come potrei risistemare gli alberi se potessi decidere dove metterli? credo che produrrebbero ancora più pesche!”

“no, valvassore è già diventato il padrone dell’orto accanto. A proposito, visto che adesso il campo è libero, coltivalo tu!”

“ma il padrone del campo accanto ha perso una gamba sotto a un trattore, non coltiva nulla da un anno!”

“no, ti sbagli, non è andata così, è una tua impressione. E’ la stanchezza perché coltivi anche gli ananas di notte, sicuramente. E comunque la colpa è del ciclone tropicale di settembre, le cui vie sono imprevedibili. Anzi, potresti pregare che torni e devasti il tuo appezzamento, che magari poi ci sono gli indennizzi della comunità europea. Adesso torna al tuo campo e non perdere tempo, c’è da raddoppiare la produzione…”

e pensa se vai fino a Giove!

Ieri durante la motoGP ho visto lo spot dei nuovi carburanti ENI, Eni Blu super+ e Eni blu diesel+, dove un piuttosto negato signore spiegava tra le altre cose che usando i nuovi carburanti si potevano fare “fino a 800km in più… ogni 20.000“. Mi si drizzano le orecchie sulla scelta dei numeri e mi faccio due conti: 800 ogni 20.000 è come dire 400 ogni 10.000, quindi 4 ogni cento. Ovviamente non è la stessa cosa dire “rendimenti migliori del 4%” o anche solo “40km ogni 1.000”.

Allora per i prossimi spot suggerisco “…e per ogni giro della Terra, eni blue super+ ti regala un Roma-Amsterdam!” 😀