Sottoesposizione nella EOS 400D

Il problema di cui vi accennavo due post fa con la macchina fotografica è che le foto sembrano sempre tutte leggermente scure, e i colori non sono proprio il massimo. Certo, uno bravo in post produzione le recupera, ma uno scarso come me mette a posto un colore e ne distrugge tre, e quando tenta di rimettere a posto quei tre ne ha distrutti nove. Insomma, l’ideale è sempre partire da una base buona e snellire il workflow di lavorazione delle foto, specie quando si debbono lavorare decine o centinaia di scatti.

Facendo due ricerche in giro mi sono imbattuto in questo thread su macitynet, e nella risposta molto dettagliata di Trystero; direi che è proprio il problema che riscontro io, che si presenta con il 28-200 USM (che ha una apertura massima di 5.6) e non con il 50mm 1.8. Mentre decido se sia il caso o meno di sfidare la sorte mandandola in assistenza per sistemare la dispersione, ho impostato la macchina per sovraesporre di default di 2/3 di stop, e nel mentre ho anche cambiato leggermente il punto di bilanciamento del bianco. Poi giocherò un pochino con le modalità di ripresa.

E’ vero che ci potevo arrivare anche da solo, ma a forza di sminuirmi come fotografo mi ero convinto che non ero capace io a tirare fuori cose decenti dal sistema macchina-obiettivo. La buona notizia è che nonostante questo piccolo inconveniente, non ho incolpato troppo la macchina fotografica, nè userò questa scusa per cambiarla. So per certo che prima o poi passerò a una serie xxD (magari la futura 60D, se non sarà un pastrocchio come la 50), ma prima voglio far fruttare fino in fondo questa, che comunque resta una signora macchina. Se riesco a migliorarmi su questa palestra, poi non può che migliorare (ops… 🙂 )

Leave a Reply

13 Comments

  1. Babylon

    Le mie conoscenze fotografiche si fermano nel reame degli alogenuri d’argento e non in quello dei pixel, però 5.6 come apertura minima più quasi uno stop di sovraesposizione significano moooolta fame di luce dalla macchinetta! A lunghe focali non hai problemi di mosso o micromosso?
    Poi magari hai sistemi super evoluti di stabilizzazione e puoi usare anche tempi lunghi…

  2. 5.6 di apertura minima, ma a fine zoom cioè a 200! 🙂

  3. Pingback: 30 seconds to Tambu · Diventare un bravo fotografo

  4. PandaR1

    Ma lavori in raw, si?

    Non scatterai mica in jpg vero? Non sarai cosi’ niubbo eh! ;P

    Cmq un po’ di sottoesposizione se scatti in raw non disturba, salva le alte luci, in digitale devi esporre per le alte luci (si dice esporre a destra, ovvero con un occhio alla parte destra dell’istogramma…) mentre su pellicola si esponeva per le ombre…

    http://is.gd/1GG1

    Cia’…

  5. si che scatto in raw. Il problema è che bisognerebbe decidere da soli se e quanto sottoesporre. se lo fa di default e non lo sai è comunque un problema

  6. PandaR1

    Tanto guarda, lo scatto spot-on era un must su diapo, ma lavorando in raw fino a uno stop sotto non ti da il minimo problema, anzi, tante volte ti salva le facce al sole dal clipping selvaggio… solo in scatti al limite (in chiesa ad alti iso) tirare su in post potrebbe arrivare a darti problemi di rumore sulle ombre, ma ho notato che in genere le macchine sottoespongono in esterni proprio per evitare di clippare, gli scatti all’interno in genere sono ok… pero’ non capisco perche’ hai cambiato il bilanciamento del bianco, lavorando in raw non serve a niente, lo fai dopo (ed e’ _esattamente_ la stessa cosa…)

  7. PandaR1

    P.S. oltretutto, dato che il bianco lo devi fare sul posto, pure lavorando in jpg non avrebbe proprio senso cambiarlo ‘a priori’… a meno che la tua macchina non ti consenta di customizzare i preset standard…

    Poi tornando al fatto che dici che bisognerebbe farlo da soli di sottoesporre, prima di tutto bisognerebbe vedere qual’e’ l’esposizione corretta… se lavori con esposizione presa su tutto il fotogramma, ad esempio… prendiamo la tipica situazione del cazzo, all’uscita della chiesa… sole a piombo, se la macchina ti espone correttamente la media del fotogramma i visi te li giochi (e non li riprendi piu’…)

    Allora a mio parere e’ piu’ corretta l’esposizione che ti salva i visi, che incidentalmente in una foto con delle persone dentro sono la parte piu’ importante e la prima su cui va l’occhio…

    Anche se lavorassi in spot, dovresti comunque esporre sui visi, e quindi la foto sarebbe comunque sottoesposta, non si scappa… dovendo salvare le alte luci e’ ovvio che il resto del fotogramma lo sottoesponi… che poi, come dicevo, e’ il minore dei mali…

  8. in generale mi piace cercare di avere lo scatto migliore possibile già in macchina, perché elaborare è bello, ma anche menoso. Più che il bilanciamento ho variato la tinta, infatti non parlavo dei settaggi tipo ombra, nuvoloso, tungsteno, di quelli me ne frego e li faccio in Lightroom. Ho variato il punto su un grafico ad assi cartesiani, coi quattro colori, ma proprio non mi ricordo come si chiama l’impostazione.

    Io dico che così com’è ti sottoesporrebbe anche una situazione pulita, piena campagna col Sole alle spalle, proprio perché ha quel difetto. E capisci che sapendolo non ha senso tenersi tutte le foto così e doverle poi alzare una ad una…

  9. PandaR1

    Io di solito do una passata a tutte le foto con una correzione di massima, poi quelle 2/3 in cui vale la pena o quando voglio stampare un ingrandimento dedico attenzione alla foto singola…

    Cmq mi pare un comportamento diffuso quello di sottoesporre in digitale, lo fa anche la mia…

  10. ma tu dici che sottoespone rispetto “alla realtà” o rispetto allo 0? perché nel secondo caso significa che non potrai mai sottoesporre davvero di 2 stop, ma al massimo di 2 meno la sottoesposizione di default. e significa anche che non potrai mai sovraesporre di due, perché se setti due ti toglierà sempre il default.

    Per questo dico che sarebbe preferibile una macchina “neutra” (come quelle dopo la riparazione, ad esempio) per decidere da soli cosa e quando fare.

  11. PandaR1

    Il problema e’ che l’esposizione perfetta su tutto il fotogramma la puoi determinare facilmente solo se fotografi una scena con una gamma dinamica limitata… e anche in quel caso non c’e’ UNA sola esposizione corretta… mettiamo che ci siano 3 stop nella scena… dato che le digitali migliori hanno circa 8 stop di dinamica e’ ovvio che i 3 stop me li posso allocare un po’ come voglio dentro gli 8…

    Prendiamo viceversa una scena con il sole forte… puo’ arrivare a 11 stop di dinamica… ovvio che 3 stop me li perdo… o conservo le ombre o conservo le alte luci… anche li, e’ una scelta…

    Non esiste l’esposizione perfetta… perlomeno fino a che i sensori non avranno una gamma dinamica di 11 stop…

  12. Ciao è da circa un annetto che uso la 400d e ho sempre riscontrato il problema ora mi sono accorto facendo delle foto ad una laurea che non è proprio più il caso di andare avanti così, se ti giro un paio di foto mi dici cosa ne pensi se le ritieni sottoesposte? così almeno capisco se portarla in assistenza o meno

    grazie

  13. non avendo visto la situazione originale è un po’ difficile dire se è sottoesposta…

Next ArticleGatto da botte