grazie!

Grazie per l’affetto dimostrato dopo la notizia del Tambino, è una cosa che suscita gioia incontenibile, molto più della notizia del matrimonio ad esempio. Ci ragionavamo giusto ieri con l’Estrellita. Oppure significa che anche voi siete tutti d’accordo che “il mondo ha bisogno di altri Tambu” 😀

Grazie a chi mi sostiene moralmente in questo cambiamento: il ruolo del padre tra battute facili e verità assolute è sempre un po’ bistrattato (un po’ come lo sposo durante la cerimonia: semplice comprimario direbbe Giorgio 🙂 ), ma in rete ho trovato parecchie persone che mi stanno dando preziosi suggerimenti sulla dimensione esatta che questo evento avrà. Purtroppo, Matteo, non credo proprio che riuscirò ad essere con voi il 13 giugno, ma mi sarebbe piaciuto tanto…

Grazie a chi era alla festa di compleanno / inaugurazione giardino, mi pare che ci siamo divertiti un po’ e che somigliasse un pochino a una festa open american style: m’è avanzata un sacco di birra, ma quella si fa fuori in breve, e d’altronde 15,8 litri per 24 persone – compresi 5 bambini under 5 anni – forse erano un pelo troppi 😀
Per chi non c’era dirò che nel volantino d’invito c’erano questa frase e questa foto:

Durante la festa il gatto Solimano intratterrà gli ospiti con il sempre classico numero del salto nel cerchio infuocato

Solimano nel cerchio infuocato

ma come il meno navigato degli artisti la sua preparazione in solitaria nello stanzino s’è tramutata in una lunga pennichella che non è stata interrotta nemmeno dai miei solleciti a mezzo “dita nel costato”.

Ho però in mente altre photoshoppate da quattro soldi, che tanto non son capace e si fa giusto per ridere 🙂