Internet 1 – resto del mondo 0

Potete dire quello che volete, ma io amo internet. La socialità, la rete, le relazioni, va bene tutto. Ma non c’è niente come la quantità di informazioni. Vi faccio un esempio: quando ero piccolo, avrò avuto – boh – 8 anni, vidi un film in televisione, parlava di un mondo dove piove sempre e di astronauti che impazzivano per via della pioggia. Me lo ricordavo praticamente alla perfezione, mi ricordavo gli alberi ammuffiti, che uno si suicidava annegandosi, tutto. Tranne ovviamente il titolo. Da quando ho accesso a internet (e quindi dal 1998) ogni tanto mi venivano i cinque minuti di follia e tentavo di trovarlo. E più diventavo bravo con Google più mi stupivo che non ci riuscissi.

Dopo 10 anni ecco Cineblog e la rubrica del Cercafilm, gli scrivo e in pochi minuti qualcuno aggiunge un parametro fondamentale per le mie query: Bradbury. Tempo mezz’ora e il mulo sta già provvedendo a colmare la lacuna. Ho appena finito di vedere lo spezzone, è esattamente come lo ricordavo e ho un sorriso che non ve lo potete immaginare 🙂