Leave a Reply

5 Comments

  1. Che poi in Microsoft una mossa del genere sarebbe come ammettere un fallimento.

    Visto che non sono stati in grado di “costruire” un competitor serio di Google in pratica si vogliono acquistare la società che più delle altre è riuscita in quello in loro hanno fallito.

    Mah… sembra quando si era a scuola e al ragazzo viziato e ricco sfondato di turno mancava una figurina per completare l’album e per far prima si acquistava tutto l’album già bello e completato da chi lo aveva fatto con passione.

  2. non sono affatto d’accordo con la tua analisi sai?

  3. E come la pensi?

    Sicuramente è una buona mossa se il loro obiettivo è contrastare il dominio di Google. Non lo metto in dubbio. Attualmente è anche l’unica sensata che possono fare.

    Però è anche un’ammissione di colpa perchè se per contrastare Google devono acquistare Yahoo vuol dire che MSN.com, Live.com come Hotmail e glia altri armenicoli vari non sono stati un successo o comunque non gli hanno permesso di costruirsi l’antagonista di Google in casa.

    Era questo che intendevo dire.

  4. non è una ammissione di colpa. In ambito industriale si giustifica come “ce l’avremmo certamente fatta, ma ci sarebbe voluto troppo tempo. Così invece acquisiamo quote di mercato, eliminiamo un competitor e offriamo sinergie economiche e tecnologiche”.

Next ArticleCloverfield funziona