Perché Quintarelli non sarà mai ministro delle Comunicazioni

[cfr. Quintarelli ministro delle comunicazioni da Lele Dainesi] Chiariamo subito: non certo per mio demerito! Se ci fosse anche solo un lumicino di speranza sarei pronto a fare la mia parte e votare anche lo schieramento più lontano dalle mie idee, se lo candidassero.

Il problema semmai è un altro: chi mai potrebbe avere interesse a mandare al ministero una persona esperta, informata e fuori dalle beghe di potere? quale forza politica sarebbe così vicina agli interessi degli utenti?

La questione è ascrivibile al più generale problema della lontananza della politica attuale dai bisogni e dalle speranze dei cittadini: persona molto informata dei fatti, testimone oculare, mi ha detto che anche ai livelli locali delle amministrazioni i provvedimenti vengono presi principalmente su base personale. C’è da rifare il giardino dell’assessore? si fa una legge per il riassetto dei giardini, camuffandola magari da “incentivazione dei giardini a prevalenza di piante mediterranee per un ritorno della biodiversità perduta” e si estende magari a tutta la Provincia.

Gli stessi ministri moderni (il blogger Gentiloni, lo youtubista Di Pietro – che si è pure comprato un’isola su Second Life – speriamo non faccia la fine di John Edwards 🙂 ) non sono che pallidi tentativi di avvicinarsi a un mezzo a loro praticamente sconosciuto. Si avvicinano al mezzo, non lo governano completamente, e soprattutto restano distanti dalla gente.

Ci sono molte persone che avrebbero idee da vendere e potrebbero fare bene, in politica e non(*), ma il problema è che la politica di oggi è impermeabile a queste persone. I buoni propositi non servono a niente. Scendere in campo in prima persona è una lotta contro i mulini a vento. Almeno per un’altra decina d’anni.

(*)per dire, io potrei tranquillamente ottenere lo stesso risultato di Cimoli in Alitalia. Mi basterebbe non toccare niente. Vi giuro che sono assolutamente in grado, specie per 2,5 milioni di euro l’anno 🙂

Leave a Reply

1 Comment

  1. Bè dai fossero tutti come Di Pietro x quanto riguarda internet non dico sarebbe un mondo perfetto ghgh ma cmq sarebbe un grande passo in avanti!

Next ArticleGoogle Analytics: referral completi