Google Analytics: filtrare i domini

questo post si è trasferito riveduto e ampliato su
badge Goanalytics.info

Mi viene posta una questione in un commento ad un post vecchio: “se qualcuno copia il codice di Analytics sul suo sito, altera le mie statistiche?”

avevo notato qualcosa di simile lavorando su un sito in localhost su cui avevo dimenticato di togliere il codice javascript di analytics, ma non ci avevo dato troppo peso, inizialmente. Oggi invece ho fatto una prova scientifica: ho creato una pagina praticamente vuota, ci ho copiato il mio codice di Google Analytics e l’ho uppata su uno dei siti che gestisco, per sicurezza era una pagina asp su un server windows, mentre il mio codice del blog sta solo su pagine php.
Poi ho chiesto ad alcuni amici beccati online sul momento (grazie Giovy, Tony e Silentman 😛 ) di cliccarci e generare un po’ di visite, giusto per avere sorgenti diverse, e sono andato a guardare i risultati:

cheating Google Analytics

Ebbene, la risposta è SI, se qualcuno copia il vostro codice analytics può alterarvi le statistiche.
La notizia buonina è che non è un bug: in questo post di Terrill Dent viene incollata una mail ufficiale di risposta del team di Analytics che recita all’incirca

Non filtriamo il dominio per default perché molti utenti desiderano tracciare siti che risiedono su domini multipli

La notizia buona è che vi potete accorgere facilmente se qualcuno sta alterando le vostre statistiche cliccando su “ottimizzazione contenuto” -> “parametri web design” -> “nomi host”

La notizia ottima è che esiste una soluzione:

Accedi ad Analytics e clicca MODIFICA nel profilo che ti interessa, poi AGGIUNGI FILTRO.
AGGIUNGI UN NUOVO FILTRO AL PROFILO, nome “SOLOMIODOMINIO”, tipo filtro FILTRO PERSONALIZZATO, INCLUDI.
campo filtro: NOME DELL’HOST
pattern filtro: ^blog\.tambuweb\.it (nel mio caso, per voi è il dominio dove avete installato analytics, of course)
Maiuscole/minuscole: NO

poi cliccare su fine.

nell’ordine dei filtri questo deve essere il primo.

update: sentito il supporto del team di GA, il filtro è definitivio. E stavolta funziona 🙂

Pago per tutti?

Che è sta cazzata che ora siamo tutti fratelli, siamo tutti buoni e ci difendiamo l’un l’altro nel lavoro?

Carlini dice che ora che hanno abolito i costi di ricarica ci rimetteranno i dipendenti (e qualcuno la pensa come lui). E quindi? difendiamo i dipendenti delle compagnie telefoniche tenendoci i costi? o magari aumentandoli in cambio di promesse di assunzioni? E’ pericoloso andare a parare su questa strada, perché allora si può arrivare persino a difendere i cartelli delle società petrolifere (“eh, ma se ci cala il fatturato dobbiamo chiudere dei distributori”) e qualsiasi altra forma di doping dei prezzi (“se non paghi questo pacchetto di chewing-gum 12 euro mi toccherà licenziare la commessa”)

Io ve lo dico, non sono d’accordo: se mandano a casa qualcuno ovviamente mi dispiace, ma avere un maggiore costo della mia vita per mantenere il resto del mondo proprio non ci sto.

A 3 gradi da Lenny Kravitz

six degreesDurante il mio soggiorno palermitano, parlando del più e del meno con Tony Siino siamo capitati a parlare di radio e podcast. Lui ha sintonizzato l’autoradio su Radio Time, emittente ove tiene il programma http, e io gli ho detto che ho fatto il WebJockey per un po’ di anni su Estraradio.

E la rete si è di nuovo prodotta in quella che io chiamo “la magia dei 6 gradi”, cioè la famosa teoria dei sei gradi di separazione tra qualsiasi persona del mondo: Tony mi ha detto che Darietto “TK”, uno dei più talentuosi wj che avessimo – fautore di un salto di qualità tecnico non indifferente – è suo amico e ora lavora nientepopodimeno che a RADIO 105 come tecnico del suono! 🙂

Oltre che essere molto contento per lui, questo fatto mi permette di avvicinare un grande nodo mondiale alla mia sfera di “sixdegrees”. Io conosco TK, che conosce i DJ di 105, che conoscono ad esempio tutti i cantanti che intervistano. Tipo gli U2, I red hot chili peppers, gli evanescence o Lenny Kravitz 🙂

E voi conoscete me, che conosco TK, che conosce i DJ, che conoscono Lenny Kravitz 😀