Ritalia-Spadino-Spadino-Ritalia

Previsioni altamente negative, due giorni di pioggia su tre, uno addirittura di neve. Temperature polari. Il che significa probabilmente GHIACCIO, che notoriamente con le due (ma anche quattro) ruote non va tanto d’accordo.

Probabilmente ha ragione estrellita, e su questa questione non sono in grado di giudicare serenamente o non voglio sentire ragioni, e mi racconto di mondi più favorevoli di quanto non siano. Fatto sta che mi sono consultato col mio compagno di viaggio e abbiamo deciso di rinunciare, a malincuore.

Per il secondo anno consecutivo niente Spadino. Il che – mi dico – è sempre meglio che andarci, prendere una facciata, e non andarci mai più…

RitaliaCamp, arrivo!

L’ho visto anche io

appleCosì come Giacomo, anche io ho visto un MAC impazzire. Era il MAC di Alberto durante l’ultima lezione del corso di foto.
Prima ha lamentato problemi hardware (sottolineati da un mio “ehm coff coff” di sdegno, visto che io sono IL NEMICO 🙂 ) al touchpad, poi sotto gli occhi curiosi del sottoscritto e distratti degli atri presenti una semplice operazione di copia di 156 immagini nel desktop (anzi, nella SCRIVANIA, come dicono loro) ha avuto il magico potere di devastare il Finder.

“beh, da una finestra DOS basta una riga per sistemare tutto” dico io.
“anche da MAC” mi risponde Filo, che si è preso in carico la questione.
“prova a uscire forzatamente” suggerisce qualcuno
“non risponde”. terrore.
Lo resettano brutalmente, ma alla ripartenza va di nuovo in Guru meditation.
“ha troppa poca RAM, con 512 Mega si siede subito. (ma le meraviglie dell’hardware progettato APPOSTA non erano il fiore all’occhiello di Apple?)

Vengo additato come uno stregone capace con la sola presenza di influenzare il funzionamento del portatile. “mi sembra che allora sia un po’ deboluccio” dico, prima che tramite Phoenix slideshow si riesca a farlo ragionare di nuovo 🙂

Avvinazzato

Surreale mi passa una catena, e quale migliore occasione di questi giorni in cui c’è Vinitaly a Verona? 🙂

– Secondo voi il vino è maschile o femminile?
IL vino, è maschile. Lo sanno anche i bambini delle elementari…

– Sei più vino rosso, bianco o rosé?
Sono un vino rosso, per carattere e zona di produzione. Comunque sono talmente inesperto che a volte andando da amici ne arranco uno che penso possa andare dalla cantina e lo porto per la serata, salvo scoprire solo dalle facce contente che è un vino “come si deve” 🙂

– La tua prima volta?
non me lo ricordo. All’inizio non è che ne andassi pazzo, ma i grandi mi dicevano “un pochino non fa male, anzi…” e lo bevevo annacquato. La cosa è andata avanti per un po’, poi quando ho iniziato ad andare per ristoranti da solo ho apprezzato i buoni abbinamenti.

– Il tuo miglior ricordo “emotivo” di un vino?
mi ricordo di una cena da noi con pierrade e rosso del Conero San Lorenzo, e 4 amici. Al vino piace avere tanti amici intorno 🙂

– La migliore associazione tra un vino e una portata?
non c’è nulla di meglio di una buona carne arrostita con un buon (BUON) rosso.

– La tua migliore degustazione (prevista o fantasticata)?
Una degustazione in cui riesca a capire fino in fondo cosa sto bevendo.

– Chi sceglie il vino in casa tua e chi amministra la cantina?
Il vino lo scegliamo io e la signora, specialmente quando siamo in viaggio. La cantina la gestisco io, e si vede perché i vini sono ordinati in maniera discendente: in alto quelli trentini e friulani, in mezzo i toscani, in basso quelli del sud. Inoltre sono divisi tra rossi e bianchi 😛

– Quanti vini hai in cantina?
facile: due bianchi e 18 rossi (riempiono perfettamente due cantinette ikea sovrapposte 🙂 ).

– Come inizieresti un giovane al vino?
Dipende dalla persona. Ad alcuni non importa niente di un buon vino e non capirebbero la differenza. Io stesso a volte non capisco la differenza, però mi impegno a capire se mi piace o no. L’unica e fare assaggiare e sperare…

sentiamo che ne pensano proprio Guzzo, GiorgioTave (magari ci parla dei vini Thai), il 2D, Marlenek.

L’antipatia a volte serve

In queste ore mi sono trovato in posta tanti inviti mandati da gente sospetta e da gente non sospetta, che mi informavano che ero stato taggato. Ho aperto la prima e mi si chiedeva di partecipare, sostanzialmente Tagged (che non linko appositamente, perché è un sito inutile) permette di taggare i tuoi contatti. però ti ciuccia la rubrica. MA questo l’ho scoperto solo dopo aver letto che ci sono caduti personaggi del calibro di AndreaBeggi, Kurai, Stefano, Samuele e altri ancora.

E io? io normalmente cestino tutte queste richieste, è per questo che spesso mi becco gli appellativi di “antipatico” e “asociale”. Beh, io ogni tanto mi dico “per fortuna!” 🙂

(si, non ve l’ho detto ma mi sono iscritto a Jaxtr, prima o poi metto il bottone sulla sidebar. Almeno quello ha una qualche utilità…)

Spadino 2007

Quest’anno la ricorrenza della tragedia del tunnel del Monte Bianco mi pare sia passata in un silenzio surreale. I motociclisti però sono gente cocciuta, che difficilmente dimentica. Non dimenticano gli amici, non dimenticano le ricorrenze, non dimenticano soprattutto l’indifferenza delle istituzioni e le azioni vessatorie che queste compiono nei loro confronti ogni volta che varano una legge.

Io il 31 Marzo vado a salutare Pierlucio Tinazzi, come ho promesso di fare 3 anni fa ogni anno in cui mi sia possibile. Le questioni di principio e le promesse sono i mattoni che tengono insieme parte della mia vita, e quindi non c’è “MA” che tenga.

L’unica cosa che può farmi desistere è una previsione meteorologica ALTAMENTE negativa, o condizioni di forte pioggia alla partenza (o neve durante il viaggio).
In quel caso di forza maggiore – e SOLO in quel caso – mi rivolgerò verso Milano e andrò al RItaliaCamp.

[se non sapete chi sia Pierlucio Tinazzi o volete fare un salto sulla macchina del tempo:
Spadino 2004Spadino 2005Spadino 2006]

invasati

In effetti non ci avevo pensato, ma il primo giorno di palestra dopo l’invasione di 300 nelle sale mi preoccupa un po’ 🙂

Diciamolo!

Il calorifero tubolare sul quale appoggiare l’accappatoio durante la doccia è la più grande invenzione dell’ultimo trentennio 🙂

Dopo la cena

blogcenagenova logo

Cena passata senza troppi strascichi, sono riuscito ad alzarmi con nonchalance nonostanche l’ora tarda di ritorno.
Tanta gente, soliti spazi (abbastanza ristretti) di conversazione, a meno che tu non voglia urlare per parlare con l’altro capo di una tavolata di 20 persone 🙂

Palmasco dice che ha la moto ma poi ha uno scooter, Chiara dice che parlerà con tutti ma poi parla poco, Jtheo usa il pennino del suo gigafonino al posto della forchetta, Samuele è sempre più geek e pur di attaccare il portatile a una presa della corrente farebbe a pezzi un bambino di 2 anni, le solite cose… 🙂

from yesterday

Ha ragione Botty, mi sono sbagliato e ho messo la canzone “the kill” invece di “from yesterday”. Quindi invece di rimediare con l’mp3, rimedio con il video, che vi informo essere il primo video musicale americano completamente girato in Cina 🙂

ne esiste anche una versione ancora più lunga, ma è scaricabile a pagamento in HD dal sito ufficiale dei 30 seconds, o sennò tramite i soliti circuiti alternativi 🙂