…e la terza neanche te la meriti

immagine tratta dal sito marok.orgcome un Fli-fli-flipper della NUOVA generazione(*) le mie ideee rimbalzano qua e là, cambiano, prendono direzioni imprevedibili. Rimpalli, bonus, multiball, non ci capisco più niente.

Il notebook doveva essere di un certo tipo, come vi dicevo; mi sono convinto, ho scelto, confortato da idee sensate e ragionate. Poi ci ripenso, torno indietro. Ragiono e leggo in giro, alla fine mi rompo e decido per il top della gamma, e fanculo ai soldi una volta tanto. Oggi, il giorno prima di quando avevo deciso di fare il passo, lo trovo a 233 euro di meno.

E l’ho preso, non potevo farmelo sfuggire.
I vostri consigli mi sono stati utilissimi – la maggior parte, almeno 🙂 – e vi ringrazio molto. Appena arriva faccio due foto e vi scrivo qualcosa su Vista 😉

il titolo e la prima frase, se non l’avessi capito, sono citazioni della geniale “Alfonso 2000” di Claudio Bisio, contenuta in Patè d’animo, il suo cd del 1991

Leave a Reply

10 Comments

  1. Mi sa che nell’ “apposita feritoia” per il nuovo Sony Vaio (serie SZ? Dopo lunga e faticosa ponderazione, ne ho preso pure uno io a novembre) hai messo qualcosa in più dell’ormai proverbiale “500 lire”… 🙂

  2. >>e fanculo ai soldi una volta tanto.

    …la verita` e` che voi giovinastri di merda non avete mai patito la fame! A LAVORARE! (etc etc etc)

    😀

  3. in effetti, “cosa credo, che la 500 lire da inserire nell’apposita feritoia cresca sugli alberi? e non COMMENTARMI con quel tono che poi stasera lo senti tuo padre che ritorna, e ti appiccica al muro” 😛

  4. theo

    Posto un altro (lunghissimo) parere su Vista (Ultimate), che ho installato anche sul “bambino” di casa (ABit AW9D-Max, Intel Core 2 Duo E6600, 4 GB RAM DDR2-667, 4 HDD SATA2 da 320 in RAID5, 2 Radeon X1600XT da 256MB in Crossfire, 2 DVD-RW Plextor PX-760 IDE, insomma un adolescente, più che un bimbo, ok…).

    E’ meno pesante di quanto pensassi, installato su una workstation degna di tal nome (c’è anche da dire che l’hardware, rispetto al notebook di cui parlavo qualche commento fa sempre su questo blog, è decisamente più performante).

    Ho levato tutti i fronzoli grafici e ho notato con stupore che non cambia praticamente niente a livello di velocità di utilizzo, tenendo come termine di paragone l’interfaccia Aero.
    Rimane infatti notevole sia la velocità di apertura che di funzionamento delle applicazioni “Vista Certified”, ma anche di quelle non propriamente scritte per Vista, che venga utilizzata o meno Aero.
    Diventa quindi piacevolissimo usare Aero con i “fronzoli TreDDì”, visto che usa le GPU delle schede video, senza caricare nessuno dei due core.
    L’occhio vuole la sua parte in fondo, come già qualcuno ha fatto notare.

    Diventa estremamente appagante l’uso del sistema, ma solo dopo aver imparato ad usare bene le funzioni di ricerca sia nella guida, sia, soprattutto, nello Start menu (dove è stato integrato praticamente il Finder della Tigre).
    Questo visto che la maggior parte delle opzioni avanzate sono state nascoste talmente bene che sovente ci si dimentica dove occorre andare per cambiare un dato font, per variare la disposizione delle icone piuttosto che la visualizzazione dei dettagli di una data cartella, etc…

    E’ ottima la gestione dei driver.
    Su un hardware di fatto recentissimo (la Motherboard è basata su un Intel 975x), non ho dovuto installare a mano praticamente niente, fatto salvo il driver per il controller RAID Silicon Image e per l’ uGuru, che è di fatto una interfaccia ACPI proprietaria Abit (un pò come il famigerato ATK001 di Asus).

    Il controller RAID SATA/PATA Intel ICH8, la Realtek HD AudioMax, le due Radeon, i chip Northbridge e Southbridge sono stati rilevati in automatico.
    I Catalyst me li sono installati solamente per abilitare la modalità CrossFire, ma avrei potuto benissimo lavorare comunque senza, Vista stava già ripartendo il carico lavoro sulle due GPU non rilevando alcun monitor connesso alla seconda scheda (per il Direct3D e l’OpenGL però, diventano obbligatori i driver proprietari ATI/AMD).

    L’ultimo figliuol prodigo di Gates si è trovato, installato e reso operativa la stampante multifunzione HP Photosmart 3210 AIO, senza alcun mio intervento, nonostante sia connessa via Ethernet (scopro poco dopo, tra l’altro, che HP stessa consiglia di utilizzare i driver già presenti in Vista).

    Idem per i dispositivi di archiviazione esterni Firewire e USB, ma questo “giochetto” lo faceva ottimamente già XP.

    Ottima la gestione del Bluetooth, che mi ha lasciato letteralmente senza parole quando mi ha rilevato, anche qui in modo del tutto automatico, non soltanto i tre telefonini (Motorola, LG e Sony Ericsson, con tutti i driver e il merendaro di ciascuno annesso), ma anche il palmare HP rw865 con Windows Mobile 2005, scaricandosi e installandosi autononamente l’ultima versione di ActiveSync, lasciando a me soltanto la configurazione delle varie opzioni di partnership con il dispositivo (in pratica ho dovuto solo scegliere cosa sincronizzare e da/verso dove).

    Per una volta, sono soddisfatto di un prodotto Microsoft.
    Per uno che vivrebbe con una console Gentoo, Kde e Plastik, direi che è più di un complimento per M$ 🙂

    Peccato che ho per le mani solo versioni a 32 bit di questo OS, quindi non vengono visti nè utilizzati più di 3 GB di RAM (anche se questo è un limite tecnico dei 32 bit, e non del sistema operativo in sè).
    Non appena riuscirò a mettere mano su una Ultimate 64 bit, penso che cambieranno un pò (tanto) le cose.

    Ok Tambu… dopo questo commento, penso che dovrò contribuire a pagarti parte dell’hosting 😀

    Ciapèt,
    theo.

  5. Come per tutte le cose il parere è oggettivo. Io ho letto di una persona insoddisfatta, probabilmente ha preso Vista singolarmente e non con un nuovo SUPER-PERFORMANTE pc. l problema risiede lì: o cambi tutto o ti trovi di fronte ad una grossa delusione.

  6. theo, si figuri: pareri completi e imparziali sono i benvenuti 🙂

  7. theo

    @Karminio: SOggettivamente parlando ;), ho postato solo perchè ho la fortuna di poter cambiare pezzi più o meno quando mi pare, lavorando in una aziende che l’hardware lo rivende. Effettivamente sul “vecchio” P4D 3.2 con 2 GB di RAM, viste le prestazioni che mi da sul notebook (che ha 6 mesi di vista e pure tanto di bella etichetta “Windows Vista Capable”), non ce lo metterò mai, se non altro perchè devo lavorare col pc, non posso stare 20 minuti ad aspettare che si carichi la GUI 🙂 (ecco perchè adoro le console Linux :D)

    @Tambu: gracias 🙂 resta valida l’offerta comunque 😉

Next ArticleFuria omicida