Wind tunnel

Qualche giorno fa ricevo una email da Daniele Marlenek, che mi chiede se posso fargli un favore.
Siccome l’ho già incontrato un paio di volte e mi sembra un bravo ragazzo, gli dico che cercherò di fare il possibile.
In sostanza mi chiede di andare al porto antico per prenotargli un “volo” su questa attrazione del festival della scienza. La prenotazione va fatta obbligatoriamente il giorno prima sul posto, ma siccome lui è di Milano, ecco che intervengo io.

Bene, stamattina mi prendo mezz’ora di permesso (tanto dovevo comprarmi lo sciroppo), mi reco in loco e…

tutto esaurito!

azz, che peccato! mando un MMS a Daniele con quella foto (esseri tecnologici) e mestamente torno verso l’ufficio, quando tutt’un tratto mi imbatto nella locandina locale de La Repubblica

bagarini

AAAAAABBEH! ora tutto acquista un suo senso :-/

Leave a Reply

8 Comments

  1. Wis

    Non ho ben capito: è il papa che fa wind surfing?
    Comunque l’aspetto più inquietante è il fatto che tu avessi bisogno di mezz’ora di permesso per comprare “lo sciroppo”. °_________°U

  2. Morghy

    Al solito:-/
    che tristezza…

  3. Oh, io mi sarei accontentato anche del biglietto del bagarino… Che dice Daniele? 😀

  4. Barbara

    Ma che bisogno c’è di andare a Genova? Guarda da ste parti un vento che porta via si infila in una galleria et voilà la galleria del vento 😛

  5. I bagarini sono davvero campioni nell’arte dello arrangiarsi.

  6. il solito mondo. se hai i soldi vai avanti, se non hai soldi… ti sfoghi scrivendo sui blog… 😛

  7. Giorgio

    A me pare assurdo che 100 euro resti comunque una cifra competitiva sul mercato, perché se i bagarini la quotano tanto vuol dire che c’é chi li compra…….no dico…..100 euro!! Diconsi euro cento/00!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Marlenek

    Beh, che dire… mi sono “consolato” di un’ottima focaccia di Recco scovata tra le viuzze del centro! 😀

Next ArticleUrbanBlogDinner 2.0