ha ragione infostrada. sempre.

Oggi mi è arrivata la penultima fattura di Infostrada. La disdetta l’ho data per tempo, e il 16 novembre tutto avrà fine. Però nel foglio WIND INFORMA che gentilmente mi mette al corrente delle novità del mondo arancione c’è questo paragrafo

La informiamo che in caso di disdetta del contratto di Telefonia fissa con Telecom Italia il servizio di accesso ad internet con Libero ADSL resterà attivo.
In questo caso verrà fatturato un canone aggiuntivo di 12,88 euro/mese (IVA inclusa) necessario per coprire i costi relativi al canone che Telecom Italia impone agli operatori che forniscono servizi ADSL a clienti senza contratto di telefonia fissa.
La informiamo inoltre che, con riferimento alla presente comunicazione, potrà recedere dal suo abbonamento secondo le modalità descritte all’art. 9.8 del contratto ADSL

Mi figuro che questo mi permetta di risparmiare un mese circa di bolletta, che son 35 euri che mica ci sputo sopra… e quindi chiamo il 155.
L’operatore napoletano si prende tutto il tempo di cui ha bisogno per capire la mia domanda, posta con dovizia di particolari e in modo molto attento; dopodichè mi mette in attesa 5 minuti e poi sentenzia che posso recedere solo nel caso in cui tolga il canone Telecom.
“beh no – dico io – posso recedere dal VOSTRO contratto poichè questa è una clausola che non c’era nel contratto che ho firmato a suo tempo.”
“no, vale solo se lei toglie il canone Telecom”
“non vedo come i miei rapporti con Telecom possano modificare il mio rapporto contrattuale con voi. la prego di controllare meglio”
“no, è come le dico io. nel caso in cui tolga il canone, può recedere”
“mi sta dicendo che nel caso in cui io mi tolga di mezzo Telecom e resti solo con voi, voi mi mettete 12,88 euro in più e QUINDI io posso recedere dal contratto? restando quindi di fatto senza Telecom nè infostrada? mi sembra ci sia un errore, è sicuro che non sia come dico io?”
“no, è come dico io.”
“mi permetto di insistere”
TU TU TU TU…

Ecco, questo è quanto. Non dico che dovesse darmi ragione, per carità, ma fai più bella figura se dici “credo di non poter rispondere in maniera completa alla sua domanda, le passo un collega”.

Invece se mi sbatti il telefono in faccia provochi la reazione-tipo del Tambu inferocito coi call center: ora richiamo e siccome non posso parlare con lo stesso operatore (in realtà di solito esordisco con “siccome per la qualità del servizio tracciate le chiamate, se è disponibile mi passa l’operatore con cui ho parlato prima?”), allora per la proprietà transitiva mi sento obbligato a insultare il primo che risponde…

1-5-5

toptutto

edelman blogSenza dire niente di fondamentalmente nuovo, mi autogaso in pompa magna notando che in posizione 128 tra i blog italiani più influenti in europa ci sono io.

La metodologia, oscura, è indubbialmente sbagliata. Il fatto che nel foglio Excel (EXCEL!!) siano ordinati per incoming link di technorati ancora peggio. Tiziano Fogliata pone una delle tante, giuste domande, che spero Venerdì qualcuno faccia al convegno.

La cosa che mi più scandalizza non è tanto il fatto che alcuni dei blog presenti in classifica non se li fila nessuno, mi chiedo invece come si possano considerare influenti blog che trattano determinati argomenti.

Vi dirò: trovo molto più SERIO (si, ho detto SERIO) il lavoro fatto da ludo e compagni con la top100, dove peraltro oggi figuro in 98sima posizione.

E ora vi dico anche perchè, uno come me sta così in alto: perchè là fuori, fuori dalla blogosfera, ci sono migliaia di persone con idee, passioni, talento maggiori del mio, del tuo, del nostro. Dobbiamo solo aspettare che trovino il modo di instradarle nel flusso. E poi godercele, non farne classifiche. 🙂

commenti al volo sui paragrafi

Jack Slocum ha realizzato un sistema per WordPress per mettere i commenti direttamente sul paragrafo interessato (guardatelo perchè è difficilmente descrivibile a parole). E’ decisamente bello da vedere, e potenzialmente esplosivo per le implicazioni che porta sulle conversazioni nei blog così come le conosciamo oggi.

Peccato solo che con javascript disabilitato non funzioni una mazza! 🙂

[via Raptxt]

digerire il fatto di essere un supereroe

L’altra sera pizza tra amici, per festeggiare un matrimonio… Tra l’ilarità generale scelgo una “innocua” cipolle e salsiccia. Non vi dico i commenti… Ma io me ne frego e mi mangio la mia pizza con abbondante soddisfazione.

La notte ho sognato che ero a Tokio ed ero l’unica persona in grado di salvare il mondo, ma prima dovevo fare un sonnellino (curioso: un sonnellino durante il sonno 🙂 ).
Alle 11 del giorno dopo un reflusso mi ha convinto che avevano ragione i miei amici.

Ma voi siete come me e ve ne fregate, o fate sempre calcoli su cosa mangiare alla sera?

BarCampTurin

BarCampTurin logo

Il BzaarCamp a Milano me lo sono irrimediabilmente perso, ma questa volta non ci sono battesimi che tengano! il 2 Dicembre sarà a Torino ad ascoltare, fotografare e (forse) parlare.
Non vorrei ripetere pedissequamente l’intervento di Gennaio che feci a IneditaBlog, ma d’altronde quando mi dicono “in cosa ti senti ferrato?” difficilmente penso a qualcosa di diverso da “statistiche” 🙂

Vediamo, magari ne esce qualcosa a 4 mani…

un web per capello

hack your hairdresserdunque, come dicevo nel post di prima (e nel commento al post ancora prima) ero dal parrucchiere in attesa del mio turno; il parrucchiere dove vado da qualche tempo a questa parte è abbastanza trendy, è uno che sta bene (infatti ha 4 studi in giro per Genova) e che rinnova spesso i locali. Non ci andavo dalla scorsa primavera e ho trovato tutto nuovo.
Nella sala aspetto due schermi: mi insospettisce un cavo da cuffie lungo come se dovesse arrivare alle poltroncine, ma non me ne curo e mi leggo una rivista. Dopo un po’ noto il mio vicino che armeggia con una penna sullo schermo. Tempo due secondi e sono lì, con la scusa di aiutarlo. Lo schermo è un touch screen e in una finestra trasmettono RAITRE.

Fortuna vuole che sia il suo turno, così prendo subito possesso della penna e dello schermo. Con quattro click chiudo tutto e sono al desktop. Non ha la barra col pulsante START, che però è solo nascosta, basta andare in basso con “il mouse”. Sul desktop varie icone che lanciano siti (giornali online, meteo, youtube!! 🙂 ), il classico link al solitario, RAI SPORT e MTV!!
questi mi incuriosiscono e lancio MTV. Diamine, funziona!! HEY, ma questo è il media player di coolstreaming!! lancio il sito di meteo, faccio apparire la barra degli indirizzi e la barra di stato. decido di non limitarmi a ciò che viene proposto, lancio la tastiera su schermo (start | programmi | accessori | accesso facilitato) e la mappa caratteri (start | programmi | accessori | utilità di sistema) e vado sul mio blog. lascio il commento, poi mi loggo, lo modero e scrivo il post precedente.

A quel punto niente è infattibile. start | esegui | cmd.exe e sono nel prompt, ipconfig, ipconfig /all e nslookup ansa.it mi dicono che siamo dietro a Fastweb Fibra, con esplora risorse capisco che PER FORTUNA non ho i privilegi di Amministratore della macchina; ma a quel punto fare un danno era questione di poco 🙂
sto per lanciare netstat -a quando è il mio turno. chiudo tutto e vado nell’altra sala. gli schermi che solitamente trasmettevano fashionTV ora trasmettono fashionTV SGRANATO, in streaming dalla Cina a tutto schermo, mentre in ogni specchio hanno incastonato un piccolo schermo LCD con un canale televisivo diverso.
MOOOOOLTO TRENDY 😉

Prima di andarmene parlo col ragazzo che ha messo su tutto. Gli dico che è un bel lavoro ma che secondo me è migliorabile. Mi risponde che non aspettano altro che consigli…
“beh, abbassare i privilegi per non fare danni”
“eh, che danni vuoi che facciano? senza tastiera, senza START”
“beh, io avevo tutto”
“ma tu ci capisci :)”
“beh si, ma sono quelli come me che fanno casino, di solito. Lo dico per te, perchè sennò ogni 3×2 sei a riconfigurare tutto”
“eh lo so, l’ho già fatto 4 volte… meno male che ho i ghost”
“appunto. togli roba e vivi tranquillo, no? ma poi, non è illegale trasmettere la RAI o MTV così? tanto è vero che avevano chiuso il sito di coolstreaming…”
“beh, ora però funziona. Internet è libero, quindi se c’è uno streaming posso guardarlo…”
“che è come dire che siccome gli mp3 si trovano, posso scaricarli 🙂 secondo me non puoi, se viene un controllo ti fanno il culo, mica sei a casa tua in pace…”
“ah, semmai se la vedrà il capo…”
“GIUSTO! ciao!”
“ciao”

🙂

Del perchè Masterweb/Aruba non è consigliabile

stellinorama_down

Checchè ne posa dire Giovy in un recente scambio di opinioni sul suo blog, masterweb (gruppo Aruba) negli ultimi tempi ha parecchio fatto degradare il livello qualitativo dei suoi servizi. l’immagine sopra è abbastanza esplicativa, e si riferisce alla prima settimana di monitoraggio del blog della mia signora.
Ma il report che site24x7 mi ha mandato per email è ancora più esaustivo

Date Downtime Duration
Sep 27, 2006 9/27/06 7:19 PM CET 2 Hrs 18 Mins
Sep 27, 2006 9/27/06 4:01 PM CET 9 Mins 10 Secs
Sep 27, 2006 9/27/06 12:05 PM CET 36 Mins 29 Secs

Response time (ms)
Maximum: 78507
Minimum :1087
Average: 2504.0

Ergo: non mi sento di consigliarlo nemmeno più per i siti personali.

monitorare il proprio sito web

Un sito web dovrebbe essere disponibile 24 ore su 24, 7 giorni alla settimana, 365 giorni l’anno, per definizione.
Si possono tollerare piccoli intoppi dovuti a malfunzionamenti, errori umani sul codice, manutenzione, ma non dovrebbero superare mai una soglia critica. La vita di un normale webmaster dovrebbe trascorrere nella sicurezza che il suo sito è “up & running” – come si dice in gergo – e dovrebbe dedicare le sue energie a migliorare il codice del sito, o a curarne altri aspetti (marketing, promozione, SEO, eccetera…)

Nel mio caso sono ancora nella fase in cui devo controllare se un sito è su o giù (nel prossimo post vi mostrerò il risultato).
Per farlo fino ad ora mi sono affidato a Montastic, che ho sempre trovato valido e di cui ho già accennato in passato su questo blog. Però ultimamente ho voluto DIPPIU’. Per cui vado con una bella comparazione tra 3 prodotti free di cui ho letto in giro. Anzi, per la precisione sul blog di Giovy.

montasticMontastic.com: decisamente pulito e funzionale. iscrizione lampo, si inserisce l’URL che si vuole mettere sotto controllo e via. Il sito è molto AJAXED (non ricarica spesso le pagine, ma cambia i contenuti al volo) e decisamente intuitivo. è disponibile l’avviso via email, via feed RSS o via Yahoo widget. Per ogni sito si possono conoscere lo status (verde o rosso), l’ora dell’ultimo controllo e l’ora dell’ultimo cambio di status. E’ anche possibile andare su una “green page“, una pagina che si ricarica ogni 5 minuti di un verde accecante (o rossa) con un enorme OK al centro, che fa tanto sala di controllo 🙂
il feed di montastic è perfetto: dice OK o KO, cosa e quando.
difetti: nessuno. è essenziale, ci sarebbe ben poco da sbagliare 🙂
falsi positivi: qualcuno vero, qualcuno dovuto più che altro a down veramente brevi che si risolvono tra quando parte la segnalazione e quando si va a controllare.

monitorusmon.itor.us: piuttosto incasinato, anche se probabilmente è quello con le potenzialità maggiori. completamente AJAXED, drag&drop come se piovesse, è possibile monitorare i siti da 3 diversi punti del mondo (stati uniti, austria, germania), si possono scegliere grafici o tabelle, report riassuntivi o meno sintetici, immettere siti di paragone. Si può essere avvisati via email, via feed RSS, via INSTANT MESSENGER (yahoo, icq, msn, google), e via cellulare.
il feed di monitorus è migliorabile. avverte solo nel caso di down, e non dei ripristini. però dà la motivazione (nel 99% è “no route to host”)
difetti: le finestre non si possono ridimensionare, quindi si spreca molto spazio e ad esempio su un monitor 1280×1024 non ci stanno più di 4 finestre con i grafici a barre; è piuttosto caotico e ci si potrebbe perdere tra le molte voci.
falsi positivi: nessuno.

site24x7site24x7.com: il mio preferito, me lo sono lasciato per ultimo. pulitissimo nella grafica, ci accoglie con la lista dei siti funzionanti ed eventualmente con quelli down e DA QUANTO TEMPO. si possono avere alerts via mail (anche più d’una), via SMS, via RSS. dalle opzioni è possibile farsi inviare un report giornaliero o settimanale, e il report è fatto decisamente bene. E’ possibile fare una configurazione avanzata dei monitoraggi, inserendo la frequenza di test, a che condizioni essere avvisati, dove essere avvisati. E’ poi possibile, tramite un loro tool, monitorare anche delle TRANSAZIONI, ovvero ad esempio il funzionamento di un form piuttosto che di un motore di ricerca interno. In ultimo si possono rendere le statistiche pubbliche, ad esempio per farle vedere al vostro fornitore di hosting senza stamparle o farne immagini o pdf 🙂
il feed di site24x7 è migliorabile: dice solo se è up o down e il tempo di risposta medio.
difetti: nessuno
falsi positivi: nessuno

ci sarebbe in realtà da affrontare il discorso FALSI NEGATIVI, più che altro. Montastic segnala SEMPRE tutto e mi è capitato di notare i siti effettivamente down ma segnalati funzionanti dagli altri due servizi. Sembrerebbe più che altro che gli altri due servizi avvertano solo se il down è prolungato di qualche minuto.

conclusione: io consiglierei di lasciar perdere monitorus. se volete vivere tranquilli (e il vostro provider ve lo permette) iscrivetevi a site24x7.com, se siete già più paranoici tenete site24x7 senza avvisi per controllare l’uptime settimanale o le transazioni se ne avete bisogno, e montastic per gli avvisi via email.