EOS 400D

Se state aspettando la prova sul campo, sarete delusi: ieri ho fatto “la prova che tutti temono”(*) e non l’ha passata.
sul sensore 1 pixel morto e 5 hot, sul display LCD 1 pixel morto.

Ho telefonato a Canon, che mi ha assegnato un numero di ticket e mi ha detto che entro 15 giorni dall’acquisto è prevista la sostituzione, non la riparazione, presso il rivenditore. Che è stato molto gentile, ha controllato, me la cambia… ma al momento le ha terminate! Arrivano in settimana… quindi non la userò per evitare potenziali danni.

Una cosa carina però l’ho vista. al contrario della 300D, la mia non ha il minidisplay vicino alla ghiera per i settaggi, tipo ISO, velocità dell’otturatore e apertura del diaframma: tutte le informazioni relative al settaggio corrente sono nel grande display, nero su sfondo bianco, molto leggibile. Appena si avvicina l’occhio al mirino però, per impedire che il bianco accecante ravvicinato dia fastidio, il display si spegne automaticamente; se si scatta passa alla visualizzazzione della foto appena catturata, se non si scatta e si allontana la macchina ritorna ai settaggi. MOLTO COMODO 🙂

(*) LA PROVA CHE TUTTI TEMONO è quella dei pixel morti. si fa così:
si imposta modo manuale, possibilmente in formato RAW (.tiff) e un tempo alto, 25 o 30 secondi. si punta la macchina da qualche parte e si fa fare il focus premendo a metà il pulsante di scatto. Poi si mette il tappo all’obbiettivo e si scatta, possibilmente in ambiente scuro per evitare “spifferi” di luce.
poi si scarica DEADPIXELTEST e si prega, eventualmente controllando su Photoshop alle coordinate che segnala il programma. I pixel morti (dead pixel) sono tipicamente bianchi, gli HOTPIXEL sono zone di rosso che dipendono spesso dal diaframma e dalla lunghezza focale utilizzata, ma che rompono lo stesso le scatole.
Nel caso in cui non siate più in garanzia, deadpixeltest vi serve per creare una mappa dei pixel difettosi e procedere alla modifica con un programma di fotoediting prima di fare una stampa che potrebbe risentire dei pixel difettosi.

Leave a Reply

24 Comments

  1. Menomale che non l’hai comprata online.
    Sarebbe sicuramente stata più complicata la pratica di verifica del difetto/sostituzione dell’articolo.

  2. Questa dei deadpixel non la sapevo…
    Grazie delle info…
    🙂

  3. Così come Samuele, questa cosa dei pixel morti sulle digitali non la sapevo.
    E, nell’uso normale, non mi sono mai accorto di niente (mentre su un monitor LCD i pixel bruciati li vedi subito).
    Da testare, comunque… magari scopro che ho sempre fotografato con dei pixel morti.

    Quello che mi chiedo è: quanto possono essere influenti tali pixel sulla qualità della foto? Sono visibili? A che ingrandimento?

  4. mi prendete in giro? :-O come non lo sapevate?

    cmq Giovy, valutazioni mie a spanne su un paio di foto di ieri durante il test, foto a 10 megapixels: al 100% un deadpixel lo vedi al volo, se capita su una zona dal grigio in giù. già al 50% sparisce. credo che molti non se ne accorgano perchè anche quando guardano le foto in dimensione originale, le resizano per stare nello schermo (acdsee lo fa, irfanview anche, come la quasi totalità dei visualizzatori di foto).

    Quando invece fai il resize, per metterle online o mandarle agli amici, il resample li cancella praticamente nel 100% dei casi

  5. mhh… forse "dal grigio in giù" è chiaro solo nella mia zucca 🙂

    intendo che ovviamente sul bianco non si vede, sul grigio chiaro nemmeno, dal grigio normale a tutti gli altri colori fino al nero si 🙂

  6. detta così sembra una cosa gravissima, ma quanti pixel ti sono morti sul totale?

  7. beh, è facile: 6 su 10,1 milioni (lo 0,0000054 %)

    gravissima non è, ma una cosa nuova, almeno per un po’, gradirei che funzionasse a modino 😛

  8. Marlenek

    Il risultato del mio test (su JPG, non RAW: mi sono dimenticato :-P) è di 4 hot e 0 dead. Quindi? Io mi ricordavo che dovevano essere 5 vicini per la sostituzione… no? Dove si trovano info attendibili in merito (non nel senso che Tambu non lo sia eh 😉 ma diciamo “regole” a cui appellarsi)?

  9. chiama la Canon, no? 🙂

    per la sostituzione non so, nel mio caso rientra nei primi 15 giorni di vita e quindi c’è in ogni caso, ma per la riparazione penso che ne basti anche 1 solo.

    comunque, per informazione: non è nemmeno detto che cambino il sensore. praticamente con un software rimappano il sensore, e i pixel difettosi rimangono, ma vengono interpolati con quelli circostanti, venendo mascherati.
    Quindi non dovrebbe nemmeno essere un intervento lungo…

  10. Pingback: 30 seconds to Tambu » Blog Archive » EOS400D reprise

  11. Michele

    Premesso che ci capisco poco di fotografia, in particolare digitale…
    ma sei proprio sicuro dell’attendibilita’ di questo test?
    cioe’, la procedura che ha descritto mi sembra OK tranne che non capisco proprio a cosa serva impostare un tempo di 25/30”. Se un pixel e’ bruciato… e’ bruciato. Dovrebbe saltar fuori “bianco” anche con tempi brevissimi… Non e’ che hai fotografato del “rumore”? mi sfugge qualcosa? (sicuramente…)

  12. sono sicuro, perchè il pixel si presenta bianco in qualsiasi scatto, con qualsiasi soggetto e qualunque tempo. 25-30 secondi servono solo a far lavorare un po’ il sensore, rumore non è perchè è tutto, uniformemente, NERO 🙂

  13. Michele

    Ecco, diciamo che volevo accertarmi che avessi fatto (un bel po’) piu’ di un singolo esperimento. 😉

  14. Davide

    Ma quante storie per un pò di pixel morti…certo, è giusto che la CANON la sostituisca; ma…pensate… io fotografo e stampo ancora in BN in modo tradizionale, oltre che con il digitale, e ho sempre dovuto arrangiarmi per togliere i puntini dalle stampe…è un pò come avere il sensore con qualche pixel cieco…ma noi della vecchia guardia non ci siamo mai fatti problemi per quste cose, semmai curavamo di più la FOTOGRAFIA in sè stessa…
    P.S. Io sono nato nikonista, poi sono passato a CANON, e vi assicuro che come CANON ce ne sono pochi…

  15. vedila così:

    compri l’automobile nuova e ha una riga già dal concessionario.
    acquisti un cestello d’acqua e una è a metà
    il tuo nuovo e fiammante lettore dvd bluray pagato un fracco di soldi non legge 1 cd su 20…

    son cose che danno fastidio perchè capitano a oggetti NUOVI, non per il difetto in sè…

  16. Darbier

    Ultimamente ho voluto provare a scattare alcune foto light painting e nell’originale della a foto qui pubblicata http://www.photo4u.it/viewcomment.php?pic_id=135734 sulla sin della bottiglia (su sfondo nero) apparivano piccolissimi puntini blu levati con clone in pw.
    qualcuno mi ha detto che potevano essere hotpixel o dead pixel.
    Dopo opportuno test sul file originale sono rimasto a bocca aperta:
    51 pixel morti e 234822 hotpixel… Ora che faccio???

  17. ripeti il test nel modo corretto in cui va fatto. cioè con una foto COMPLETAMENTE nera, non PREVALENTEMENTE nera 🙂

  18. Darbier

    Ok grazie. fatto. Va molto meglio 0 dead pixel 4 hot pixel.
    Ma per quanto riguarda la foto pubblicata su photo4u e altre fatte con light painting… mi scoccia un po’ andare alla ricerca di quei puntini blu… acci…

  19. Pingback: Paura di un test. « MyLife

  20. Massimo

    Ciao…

    ho fatto il test che dici….
    ho preso una 400D stamane, ho aggiornato il firmware all’ultima versione (anche se l’ho comprata ora la scatola era quella con la promo dello scorso anno) , e ora sono saltati fuori 0 dead pixel, 23 hotpixel…
    in più il mio lcd ha 1 pixel bruciato…

    che faccio?

  21. Pingback: Canon vs Nikon at silentman

  22. Pingback: Il regalo per Monica: unboxing della Canon 450D kit

  23. Stef

    qualcuno saprebbe dirmi se e buona una fotocam digitale di 3 MP e di 12 MP interpolati?

Next Articleno more sms