la statistica è una scienza esatta

Mi piace la statistica, altrimenti non potrei occuparmi di Webtrends in ufficio e smanettare con Google Analytics tutti i giorni sui siti personali. La ritengo una scienza (non esatta, come da titolo, una scienza e basta) che non dà risultati assoluti, ma può aiutare molto nelle scelte delle persone, soprattutto nel marketing.

Mi batto da anni contro le brutture del sistema, ma evidentemente ho perso in partenza, così come è utopia pensare di scrivere codice come si deve in questa azienda.
Vi riporto la conversazione appena avuta col [[SEO]]:

SEO: …ecco, quindi viene la visita ispettiva e al cliente servono quei report là…
Tambu: si, ma ti ricordi che avevo stoppato il profilo in attesa che si chiarisse la questione commerciale?
S: AH, questo è grave! cosa gli diciamo? come facciamo? dai, analizzalo e poi ci pensiamo dopo la visita…
T: eh no! ora abbiamo finito la licenza, stiamo aspettando che arrivi l’upgrade; fino ad allora è tutto bloccato.
S: argh… vabeh, ma i log li abbiamo! faccio una stima delle visite guardando la dimensione dei file
T: ah, fico! quindi oltre ad avere un profilo-porcata che attinge file di log da 10 diversi server, 10 ip diversi, 10 domini diversi, e genera un risultato sconclusionato, lo sconclusioni ulteriormente inventando il dato?
S: perchè dici che non si può fare questa cosa dei 10 siti?
T: perchè non è un cluster, non sono due server in balancing. SONO-DIECI-SITI-DIVERSI!!
S: ma i log li abbiamo, no?
T: …

la mia celletta

Dicono che le relazioni sociali da quando esiste internet siano più difficili. O meglio, sia più facile conoscere persone nuove ma sia più difficle rapportarsi con esse dal vero. A me non sembra, ma non nascondo che alcuni casi siano esemplari.

Sento spesso dire che i giovani d’oggi se ne stanno come api nelle loro cellette, tutto il giorno attaccati al PC e al telefonino, e che invece dovrebbero uscire a cercarsi una ragazza, giocare al pallone, fare amicizie… va bene, tutto ok.
Però oggi pensavo che qualcosa di buono c’è: facendo tutto online e al telefono non devi per forza avere a che fare con i miliardi di MALEDUCATI ignoranti che ammorbano i negozi e gli uffici pubblici, se ti incazzi al telefono magari sei in pigiama e ti butti sul letto, o ti apri una birra, se non hai voglia di fare la coda non la fai, e tipicamente non piove.
E in più dimagrisci 🙂