l’ICI che verrà

Da ieri sera mi rimbomba nella testa “aboliremo l’ICI”… per qualche minuto non sono nemmeno riuscito a prendere sonno, e non solo perchè sono da poco proprietario immobiliare…

Ne ho lette parecchie in giro (mantellini, Matteo Balocco) , quasi tutte del tipo “barzelletta”, ma credo che l’analisi più corretta è stata fatta ieri sera durante il dopo-dibattito su La7 (mi è stato solo riportato, quindi non so nemmeno chi l’ha fatta, questa analisi)

Al Governo, dell’ICI, non viene in tasca niente; è una imposta comunale, serve a finanziare i Comuni. i Comuni sono in mano ai cattocomunisti, sono nemici. Quindi penso che la taglierà davvero, l’ICI. Costringendo i Comuni a scelte parecchio impopolari, che gli torneranno utili alle prossime consultazioni amministrative per il rinnovo dei Municipi.

Niente è lasciato al caso… :-\

Leave a Reply

22 Comments

  1. Guzzo

    I soldi necessari allo Stato sono sempre quelli. Non facciamoci illusioni: aboliranno l’ICI? Beh, inventeranno qualche altra nuova tassa…
    E questo vale per qualsiasi “colore” sia al Governo!

  2. zuck

    A me sembra che il Berlusca abbia fatto lo sborone con i soldi degli altri.

  3. credo che l’ipotesi espressa al dopodibattito su La7 provenisse dalla bocca di Liguori. Cosa che, temo, rende difficile qualunque ulteriore escalation fantascientifica.
    ciao. Luigi.

  4. e io che ho detto? 🙂
    Berlusca abolisce l’ICI e fa bella figura, Pericu il rosso (tanto per restare a Genova) è costretto a inventarsi la “tassa sull’aria” di pari importo e fa brutta figura. un gioco a resto zero in cui guadagna solo l’immagine di Berlusconi…

  5. Da quanto ho capito verrebbe abolito l’ICI sulla prima casa, pari a circa 10% dell’ICI complessivo: non mi sembra un passo impossibile (lo è decisamente meno della riduzione del 5% del cuneo fiscale promessa dall’altra parte)…

  6. L’ICI sulla prima casa vale 2 miliardi e mezzo di Euro, contro un gettito fiscale complessivo di circa 9 miliardi di euro…
    Qualcosa più del 10%

    Molti non sanno che i 2/3 del gettito ICI vanno a “Fondo Vincolato”. Ovvero un fondo che gli enti comunali possono destinare SOLO ad infrastrutture volte a migliorare i servizi direttamente connessi al bene “casa”. Ovvero: strade, illuminazione pubblica, servizi pubblici come asili, scuole (nei pressi dei centri abitati), parcheggi pubblici…
    Senza queste risorse, si dovranno tagliare anche questi servizi…

    Il discorso sul cuneo fiscale è fattibile se e solo se ci sarà un ritorno in maggiori assunzioni a tempo indeterminato, che garantiscono allo stato un gettito che unitariamente dovrà essere inferiore al gettito per singolo dipendente precario, ma nel complesso sarà maggiore, anche favorito da una continuità pluriennale di entrate per singolo contribuente.

    Oggi l’Italia è uno dei pochi paesi al mondo ad avere lavoratori stagionali in settori tutt’altro che stagionali. Tutto ciò va a discapito di una cosa fondamentale: la formazione!
    Nessuno oggi forma veramente un dipendente, perchè dopo il secondo rinnovo dovresti assumerlo a tempo indeterminato, e NON conviene. Meglio prendere un nuovo disperato….
    Questo, oltre ad essere abbastanza triste per il lavoratore, è triste anche per l’azienda, che non formerà mai personale sulla base del quale far crescere l’azienda. Avrà solo convenienza ad assumere personale per lavori a basso valore aggiunto. A discapito dell’innovazione, che nel bel paese rasenta il ridicolo!

    Guzzo nel suo commento centra in pieno la questione: i soldi servono, se tagli di qua, devi ricucire di la… Prova ne è stata l’ultima finanziaria, che in nome del taglio delle spese ha dimezzato i fondi alle realtà locali. Salvo poi costringere i comuni, province e regioni ad aumentare le aliquote di propria competenza per compensare il minor introito statale… Ma Silvio dice di aver abbassato le tasse, e lo ha fatto se si parla di tasse statali, ma nel complesso la pressione fiscale è aumentata di un punto e mezzo (fonte panorama mentre ero dal dentista…).

    Insomma, non me ne frega chi vince, ma una buona volta basta con le prese per il culo…

  7. of course è sbagliato…
    Ma quando fino alla fine degli anni 80 (ed in certe zone anche molto oltre questo limite temporale) si assumevano orde in nullafacenti nelle pubbliche amministrazioni, nessuno si lamentava, ed anche quello era sbagliato…

    Quando, per cercare di non mettere un freno a mano totale sulle opere pubbliche di base, si è istutuita l’ICI, con la condizione dei 2/3, lo si è fatto perchè non si sapeva da dove prendere i soldi per garantire una parvenza di umanità alle strade, ai servizi pubblici.
    L’ICI è una tassa che se fosse ben destinata aumenterebbe pure il valore degli immobili…
    Ciò non di meno ribadisco che sia ingiusta, in quanto non tassa solo il risparmio, ma i sacrifici di tutti! Ma proprio i sacrifici di tutti sono a loro volta sacrificati dagl sprechi della pubblica amministrazione, dal clienteralismo imperante tutt’oggi.

    Nel comune della mia città all’ufficio di protocollo di cono 10 addetti e ne basterebbero due da far lavorare in orari non coincidenti.
    All’anagrafe c’è un ufficio che rilascia solo stati di famiglia, con ben tre addetti:
    1- al primo chiedi cosa ti serve
    2- il secondo sta al terminale e stampa il certificato
    3- il terzo applica il timbro e le marche ove necessario

    Sicuri che il problema sia l’ICI?
    Chi paga tutti questi stipendi inutili?

    E stiamo parlando di persone che hanno ancora 20 anni di servizio prima della pensione 😉

  8. Quoto PseudoTecnico… e comunque per recuperare l’ICI della prima casa basterebbe aumentare quello sulla seconda, terza, quarta, etc. etc. (per chi ce le ha :D).

  9. Ma del fatto che l’ICI è una delle tasse più bastarde della storia non parla nessuno? Ovvio che quei soldi poi dovranno venire fuori da qualche altra parte, ovvio che è una mossa per attirare voti. Ma voi, ritenete che pagare l’ICI sulla prima casa (che Dio solo sa quanti sacrifici costa) sia giusto?

  10. "sulla prima casa" non l’ha detto. ha detto "l’ICI" e bon.

  11. Io ho avuto esperienze con un secondo ufficio comunale in questi giorni (in seguito ai vari casini sto pure trasferendo la residenza), entrando in contatto con servizi demografici, tributi e segreteria: ho trovato rapidità, professionalità e gentilezza (basti pensare che la persona dell’ufficio tributi è rimasto venti minuti a spiegarmi le procedure per l’ICI).
    Anche nel comune dove attualmente risiedo ho avuto sempre esperienze più che ottime.

    Il comune di Brescia (the big city) si permette di devastare le principali vie di accesso alla città, fare la metropolitana leggera, pagare centinaia di euro dei cestini della spazzatura nelle inutile zone LAM (Linea Alta Mobilità), finanziare feste, poi va a piangere miseria per il calo dei finanziamenti.

    @Tambu: io ho rivisto il frammento ad un telegiornale ed ha parlato di prima casa (oltre la metà del servizio) 😉
    http://www.tg5.mediaset.it/video/2006/04/vedivideo_5258.shtml

    Più o meno

    la prima casa è sacra… per questo aboliremo l’ici… avete capito bene… aboliremo l’ICI su tutte le prime case e quindi anche sulla vostra

  12. Traduco la frase precedente in italiano quasi comprensibile 😕
    “Forse mi toccherà cercarne uno per me, altro che fare l’avvocato per B.” 😛

  13. in effetti… mi sono sbagliato.
    dovrebbe assumerti come avvocato 😛

  14. chiara

    Molti non sanno che i 2/3 del gettito ICI vanno a “Fondo Vincolato”. Ovvero un fondo che gli enti comunali possono destinare SOLO ad infrastrutture volte a migliorare i servizi direttamente connessi al bene “casa”. Ovvero: strade, illuminazione pubblica, servizi pubblici come asili, scuole (nei pressi dei centri abitati), parcheggi pubblici…

    tambu… se vuoi ti suggerisco la via dove comprare la tua prossima casa… lì sono destinati molti di quei 2/3… 🙂

  15. @ pseudo: realtà molto diverse, mi piacerebbe vedere un giorno tanta professionalità pure qui nel sud. Purtroppo non c’è… Si combatte ogni giorno… Non funziona niente. Certo, c’è gente che vorrebbe lavorare e produrre, ma non si sa perchè cercano sempre di farli fuori (a volte professionalmente, a volte fisicamente).
    Resta il fatto che alla domanda “Come copri 2.5 miliardi di euro l’anno”, Silvio abbia risposto “Ho parlato con Tremonti, mi ha detto che si può fare”…
    Un po’ pochino per essere preso sul serio e 5 mila miliardi di vecchie lire saranno bruscolini per il suo portafoglio, non per le casse dei comuni…

  16. Ogni tanto i comuni dovrebbero fare anche delle scelte impopolari, ma troppo spesso sono troppo attenti a non perdere voti, soprattutto nelle città dove i bilanci sono nell’ordine dei milioni di euro.

    Faccio un esempio pratico: le discariche. E’ indubbio che la società attuale, all’inno di w lo spreco, ha bisogno di discariche ed inceneritori; così sarà finché non si cambia registro.

    Fortunatamente da noi la raccolta differenziata funziona benino: ci sono raccoglitori di carta e vetro ovunque, ci sono punti di raccolta del verde ed ogni abitante può andare a ritirare un tot di concime ogni anno (compost), il sabato mattina passano a ritirare il sacco della plastica porta a porta (nel nuovo Comune questo ritiro lo fanno per il verde).

    Nel Comune dove vivo attualmente c’è una discarica, nel Comune dove vivevo da piccolo (e dove mi sto ritrasferendo) c’era una discarica ora chiusa, a Brescia c’è un “termoriutilizzatore”: io non credo che la splendida pista ciclabile di qualche km che hanno realizzato in mezzo al verde sia fatta con i soldi dell’ICI 😉

  17. CtRiX

    a me l’ici sta sul cazzo a prescindere.

    Le modalità di tassazione che uno stato può applicare sono due:
    1) sul reddito
    2) sul patrimonio

    In italia si tassano entrambi.
    Ora ti vogliono pure rimettere la tassa di successione, ovvero su beni tuoi per i quali sicuramente hai già pagato care tasse.

    Sicuramente 2.5 miliardi per lo stato è una cazzata, molto meno del cuneo fiscale.
    Sono sicuro che quei soldi, se volessero, potrebbero trovarli.
    Ma non è quello il problema. Io pago una cazzata di ici e non mi cambia la vita a fine anno.

    Berlusconi ha fatto quella sparata per far capire la sua filosofia, criticabile o meno, che le proprietà non vanno tassate.
    Prodi e la sua coalizione sono dell’idea opposta, con tassa di successione etccc…

    Tutto qui.

    Poi lasciamo perdere il discorso dei coglioni che secondo me non è degno di nulla.

  18. Ora, favorevoli o d’accordo è opinione personale, ma dire che 2.5 miliardi di euro sono una cazzata non sta ne i cielo ne in terra!!!

    5000 miliardi di vecchie lire sono il doppio delle “manovrine” che i governi democristiami facevano tempo fa, per aggiustare i conti pubblici prima della finanziaria vera e propria.
    Vuol dire fare due “manovrine” l’anno. E son caduti governi e governi anche per aver solo prospettato una di queste…

    Si può essere d’accordo o in disaccordo sull’efficacia di certe cose, ma evitiamo di dir castronerie…
    Non c’è un soldo, il bilancio dello stato è alla frutta, siamo già oltre il limite di bilancio del 3% e la tendenza è ad un rialzo del parametro.
    L’alternativa è tagliare i fondi ai comuni…

    @ pseudo: mai letto il bilancio di un comune? Sono più che certo che parte dei fondi per la realizzazione della pista ciclabile siano stati presi dalle entrate ICI.
    Andate negli assessorati al bilancio dei vostri comuni, e chiedete una copia del preventivo 2006 (o l’ultimo disponibile…). Dovrebbero darvelo senza troppi problemi.
    Potrete capire quanto la mancanza del tributo possa incidere. A volte incide poco a volte moltissimo. Dipende dalle realtà.
    Nei comuni di zone rurali ad esempio, incide molto poco, in zone urbane, tantissimo.

    Che poi dico, uno che ha inneggiato alla devolution, all’autonomia delle realtà locali, imposta una campagna elettorale su un punto di competenza delle realtà locali senza interpellarle minimamente?
    Mah…

    PS: ribadisco sia una tassa ingiusta, ma son soldi che servono e che per il momento non avrebbero copertura alternativa. Se poi son bruscolini 2.5 miliardi di euro, vuol dire che vivo in un paese di ultramiliardari… E se c’avete tutti sti soldi, che problema c’è a pagare l’ICI? Pagatelo pure per me, che spesso non arrivo a fine mese 😛

  19. CtRiX

    @ davidonzo: tu dici: Ora, favorevoli o d’accordo è opinione personale, ma dire che 2.5 miliardi di euro sono una cazzata non sta ne i cielo ne in terra!!!

    Rileggi e vedrai che la ho controntata al cuneo fiscale. Non ho detto che sono una cazzata in assoluto.
    Inoltre, se prendi per paragone lemanovrine della DC, quando un pacchetto di chewing -gum costava 10 lire, ogni cifra di ogni manovrina è mostruosamente alta.

    I bilanci del comune, inoltre, non scendono nei dettagli indicando la provenienza dei fondi usati per una pista ciclabile o per una rotonda (mannaggia alle rotonde, che spuntano come funghi).

    Non dicono nemmeno (mi riferisco a firenze) che quel sindaco Domenici che ieri criticava la proposta di abolizione dell’ici, regala, ovvero offre gratuitamente, ovvero non fa pagare lo stadio alla Fiorentina, come succede in ogni città
    E i cittadini pagano tutto quel che ne consegue, ordine pubblico, straordinari per il personale e pulizia delle strade.

    Bella roba.

  20. L’ultima "manovrina" la fece proprio Silvio, durante il suo primo governo. Non la DC. Ed un pacco di chewing gum costava molto più di lire 😉 . Era l’epoca del milione di posti di lavoro…

    I bilanci dei comuni sono molto dettagliati, sempre che si sappiano leggere 😉

    Quello che voglio dire è: sul cuneo fiscale è stato fatto un ragionamento… sulle proposte di Silvio è stato fatto un altro ragionamento…
    Validi o no, non lo sappiamo, sono opinioni e solo a posteriori lo si saprà chi aveva ragione.

    Il caso ICI (tassa che se fosse abolita sarebbe una gran cosa!) ha del clamoroso. Nessuno lo sapeva, nemmeno i suoi alleati. E quando è stato chiesto "Come farai?" il premier NON ha risposto, ha detto solo che a parere suo e di Tremonti si poteva fare…

    Il dibattito non è sul fatto che l’ICI sia giusta o ingiusta (come ha cercato di far credere qualcuno), ma su come veramente Silvio avrà intenzione di toglierla SENZA aumentare altre tasse…
    Perchè se toglie l’ICI e i comuni raddoppiano la tassa sui rifiuti, siam punto e da capo.
    I bilanci dello stato hanno un disavanzo, non puoi togliere una voce in entrata senza compensarla…
    Poi, ci sono pure dei coglioni a cui si è promesso tanto e che all’ultimo si son trovati solo insulti… Permetti che pretendano spiegazioni chiare sul loro futuro? 😛

  21. mario

    Sono d’accordo su tutto quanto è stato scritto. Vorrei approfittarne per denunciare un fatto scandaloso. Il sindaco di Firenze Leonardo Domenici è proprietario della Firenze Parcheggi, la più grande società di parcheggi a pagamento della Toscana. In altre parole mentre fa il sindaco Domenici si arricchisce con i soldi delle multe e dei pedaggi fatte dai vigilini della Firenze Parcheggi. La cosa ancora più scandalosa è che i vigilini vengono pagati dal Comune di Firenze con i soldi pubblici. Insomma lavorano per Domenici che li paga con i soldi dei fiorentini mentre lui si arricchisce. Tutto questo me l’ha detto un amico che fa il commercialista per il comune di Firenze (aveva bevuto un po’ ed era in vena di chiacchierare). Ho provato a denunciare la cosa alla Guardia di Finanza, ma hanno fatto finta di niente. Se qualcuno di voi può fare qualcosa…

Next Articleora posso dirlo...