un vero scienziato

inventati i dati anche tu!!!durante una riunione, si parla di analisi statistica, qualcuno si chiede come mai il software strapagato e superfunzionale non sia in grado di colmare le lacune dei dati analizzati alla base del processo.
Io sgrano gli occhi, perchè probabilmente non ho capito bene.
Si vorrebbe che se mancano i dati degli accessi di due o tre giorni, il software riempisse le curve con dati “medi”.
Io mi tocco per vedere se esisto davvero o sono etereo come in un sogno. Io sono una persona che crede nella scienza.

“perchè – rispondo – a inventare dati l’uomo fa sempre in tempo, e d’altronde lo fa da sempre. Perchè non sarebbe corretto e scientificamente ineccepibile, anzi… Perchè l’analisi deve partire da dati certi e produrre risultati certi. se c’è un buco, il buco deve restare, perchè mancano i dati di base.”

Se diventi paonazzo e insisiti con la tua teoria, allora significa due cose:
– la prima, evidente, è che tu di statistica non hai capito una straceppazza
– la seconda, meno in luce forse ma altrettanto grave, è che invece di farmi i discorsi sulla separazione dei ruoli (io il ruolo tecnico, sporco, di capire e premere i pulsanti e tu quello aulico e asettico di interpretare i risultati) dovresti farti da parte da solo, per pudore.

Leave a Reply

5 Comments

  1. Sig.naFelicita

    ma.. non son del tutto d’accordo con te. Propendo anche io per il metodo scientifico ma in questo caso non mi sembra una richiesta tanto assurda, del resto al mondo oltre al bianco e nero esiste anche una estesa gamma di grigi non quantificabili e la scienza prevede anche questo.. serve per creare la “teoria”, fondamentale anch’essa nel metodo scientifico..

    poi ovvio bisogna capire in che contesto siamo.

  2. il contesto, l’ho detto, sono le statistiche. Lì non puoi (e non devi) inventarti niente. se tanto mi dà tanto allora, cosa ce ne facciamo del programmone superfico? prendiamo gli accessi dei primi 5 giorni e li moltiplichiamo per 30 per avere un mese e per 12 per avere un anno, tanto "c’è il dato medio"…

    no, insisto: se manca il dato di base, è preferibile lasciare il buco. E’ più serio.

  3. Ma il softwarone megamondiale non ha un’opzione che esclude dall’analisi i giorni in cui non sono pervenuti i dati?

    Però c’è da dire che su analisi di lungo periodo (quinquennali) dati medi per tappare buchi (se si parla di piccoli buchi) non sfalsano tanto le cose, e ritornano sempre un dato affidabile…

    Inferenza rulez!

  4. chiaro, niente dati niente analisi. da cui dervia il buco.

    per la seconda: sono sconcertato!!! 🙂 l’analisi si fa ovviamente a diversi livelli. si "zooma" quindi quel che dici è vero, ma appena si zooma su un mese o una settimana o un giorno il discorso sballa.

Next ArticleSpadino 2006, senza di me