eh eh ;)

roba seria eh… 😛

< !DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.1//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml11/DTD/xhtml11.dtd">
< html xml:lang="it">
< head>
< meta content="text/html; charset=UTF-8" http-equiv="content-type" />
< title>Regione Autonoma della Sardegna - Home page< /title>
< script type="text/javascript" src="http://www.google-analytics.com/urchin.js">
var dummy=0;
< /script>
< script type="text/javascript">
_uacct = "UA - 129878 - 1";
urchinTracker();
< /script>
< /head>< /html>

siccome il limite di utilizzo è di 5000000 di page views al mese… o la Regione Sardegna fa poco traffico, o ha un account ADWORD 😉
(NdR se si possiede un account adword il limite sparisce)

fidarsi del trasporto pubblico?

logo AMTno, mai!
ho quasi sempre lavorato in centro città. turnista privilegiato, avevo un posto auto aziendale al coperto che mi consentiva di andare e venire in macchina o scooter a qualsiasi ora. Poi quel posto svanì e ne ebbi uno in un palazzo vicino, senza turni e senza posteggio. Iniziai ad usare l’autobus con soddisfazione mediocre. Anche quel lavoro finì e fui trasferito dalla parte opposta della città, cosa che mi costringeva a prendere due autobus e un treno e ad impiegarci ALMENO un’ora e mezza a viaggio ogni giorno.

Per la mia salute fisica e mentale ri-comprai uno scooter, che uso tutt’ora nonostante sia tornato in centro. Perchè? ma è facile:
– quando vado in palestra finisco a un’ora in cui i mezzi verso la mia zona sono ridotti all’osso.
– la metropolitana, casomai mi servisse andare in quella direzione, chiude inspiegabilmente ALLE 21!!!
– ho lasciato lo scooter dall’ufficio Giovedì, per la neve. Stamattina prendo il bus da casa per venire qui, prima volta dopo oltre un anno..

… e NATURALMENTE SALTA LA CORSA!!!
ma strabafangule, AMT!!

mr. muscolo

Ho sognato che assaltavamo un luogo in cima a una montagna facendoci catapultare (probabilmente perchè ho visto distrattamente la battaglia finale del Signore degli anelli 3 sabato sera); questo luogo era una specie di beauty farm – centro benessere. Uscivo dalla mia stanza per fare la doccia (ancora la doccia in un sogno…) ma dimenticavo non so cosa e tornavo in camera. Sbagliavo camera e il proprietario si adirava molto. Tanto che dopo poco ingaggiava una riga di scagnozzi militari per farmela pagare. Ma io ero stranamente tranquillo. Stringevo i pugni e le braccia mi raddoppiavano istantaneamente in volume della muscolatura.

Il primo (un ragazzo che viene in palestra NdR) lo levavo di mezzo abbastanza facilmente. Per gli altri ricadevo nel più classico dei classici dei sogni della mia vita, il ritornello che mi porto dietro da sempre: li picchiavo a più non posso, nei modi più crudeli e tentando di fargli il più male possibile, ma loro nulla, sempre in piedi e senza accusare niente.

cosa diamine vorrà mai dire, a parte la classica interpretazione “ti senti in grado di cambiare molte cose con le tue forze, ma sai che non potrai farlo a causa di eventi che non dipendono da te.” ???