perchè lo fai?

navigatore in cellulareSe c’è una cosa che mi dà sui nervi, questa è la mancanza di rispetto in tutte le sue forme. Una di quelle che proprio mi fanno uscire di testa è il dare indicazioni sbagliate.
Se ti chiedo “sai dov’è la pizzeria ARARA?” i casi sono due: o lo sai o non lo sai. siccome non è un telequiz milionario non dovresti vergognarti a dire “no, scusa, non lo so”. Se invece mi rispondi “vai laggiù, sali la scala e te la trovi di fronte io mi aspetto quantomeno di trovarci una pizzeria, ancorchè sbagliata; gli argomenti della conversazione infatti sono “SAPERE DOV’E’ ” e “PIZZERIA”, anche se non mi sembri ferrato in nessuno dei due…

Bene, se arrivo in cima alla scala e vedo il vuoto assoluto, non posso fare a meno di pensare che mi hai preso per il culo. Quindi ringrazia tanto che quando torno indietro non ci sei più.

Poi mi dicono che compro le diavolerie tecnologiche, faccio le “tambate”, sono asociale… E TE CREDO: ora vi dimostro come l’asociale tecnologico si cavava fuori dal problema senza farsi perculare da nessuno.
L’asociale tecnologico chiamava l’892424 e chiedeva l’indirizzo della pizzeria ARARA. eventualmente si faceva mandare via SMS il telefono, da conservare per il futuro. Poi diceva all’operatore “mi trovo in piazza tal dei tali, mi fa un percorso a piedi?” oppure se aveva un cellulare evoluto inseriva l’indirizzo su tomtom mobile e arrivava alla pizzeria felice come una pasqua 🙂

Vi risparmio invece l’aneddoto di quando ho chiesto la stessa informazione a due sordomuti…