Orbene…

Orbene… niente preti gay, ecchediamine!!!
Che poi, bisogna distinguere tra atti omosessuali e tendenze omosessuali. bisogna evitargli, si dice, una ingiusta discriminazione; possibilmente con una GIUSTA ed EQUA discriminazione.

e poi:

Qualora, invece – si legge ancora nel documento -, si trattasse di tendenze omosessuali che fossero solo l’espressione di un problema transitorio, come, ad esempio, quello di un’adolescenza non ancora compiuta, esse devono comunque essere chiaramente superate almeno tre anni prima dell’Ordinazione diaconale

Ecco signor Vescovo… suggerisco un bel test con una pornostar, giusto per levarsi ogni dubbio 😛 😛

tetrispack

Com’è che sono di colpo sparite tutte le pubblicità della Tetrapack? dai, quelle con gli energumeni che devastano il supermercato, con la radiolina all’orecchio, che manco la CIA in missione per Echelon…

Lo svolgimento del concorso “il buio ti premia” sul sito è all’incirca così? “compra una confezione di latte nel tetrapack, fai un salto nel buio, e se sei fortunato ti premiamo non intossicandoti”?

help layout

ho dato una lievissima ritoccata alla sidebar, spostando gli archivi ormai troppo numerosi in una pagina a sè stante. Prossimamente vi annuncio che proverò a rendere questo tamplate (che comunque mi piace sempre parecchio) un pochino più colorato. Inserirò qualche icona con i contatti, che mi sono reso conto mancare da sempre e soprattutto cercherò di colmare una mancanza che c’è sempre stata: l’immagine sull’header.

In realtà so benissimo cosa vorrei metterci, ma non sono minimamente in grado di realizzarla. Quindi invece di rompere le palle uno a uno, facciamo la classica inversione con la montagna che va da Maometto:

Se qualcuno dei leggenti ha grande dimestichezza con Photoshop, la grafica, il 3d o meglio ancora tutti e tre, e ha voglia di aiutarmi (ergo di farsi da solo/a l’immagine su mie indicazioni) metta il dito qui sooottooooooooooo lasci un commento a questo post, grazie!

UrbanBlogDinner

Volevo scriverne subito, poi ho rimandato al giorno dopo (ieri), poi invece mi sono perso in ufficio tutto il giorno senza PC (ARRGGH, più di un’ora senza controllare posta e feed!! 😉 ).
E così mi son detto: “lasciamo decantare fino a oggi”.

Ho lasciato decantare i pensieri così come si lascia decantare qualche minuto il vino appena versato, per assaporarlo meglio dopo. Ho un bicchiere sempre pieno, di vino e di pensieri; in questo caso il bicchiere non è mezzo pieno o mezzo vuoto: è TUTTO PIENO fino all’orlo senza possibilità di appello (e grazie a Samuele che lestamente provvedeva alla ripascitura).
Ecco, il paragone col vino credo sia il più corretto per parlare della bella serata di blogger, della UrbanBlogDinner consumata in quel di Genova ma non per questo limitata ai soli genovesi; il vino dicevo, perchè il vino è più buono se si beve in compagnia, e se la compagnia è buona. perchè il vino scalda, così come hanno scaldato (dentro) le parole di chi alla cena c’era; perchè il vino mette allegria, e lasciatemelo dire, io di allegria ho fatto il pieno per il prossimo mese, Giovedì sera 🙂

non a caso liguri e piemontesi hanno una buona tradizione di vinificatori.
Ecco, io spero che queste UrbanBlogDinner divengano parte costante dei miei pasti futuri, un vino di quelli buoni da aprire solo in occasioni speciali e con amici speciali 🙂

Sono felice!

ne parlano, ovviamente, anche i partecipanti – se hanno un blog:
Whitecoma
Andrea Beggi
Placidasignora
caracaterina (e consorte)
l’intempestiva (e sua sorella surreale)
Marco Candida
Bob Desnos
Hyle
Maria Chiara
Bru
Jtheo
Samuele Silva

(e, vabeh lo ammetto, ho aspettato ANCHE per avere TANTI post da trackbackare 😉 )

precision everywhere

Essere precisini richiede costanza e attenzione. Ci vogliono anni e anni per essere definito “precisino-del-cazzo” D.O.C.
E una volta che vieni certificato non puoi sederti sugli allori, non puoi permetterti errori banali. Tralasciando che sono 3 settimane che dico “ah, oggi chiamo per il tagliando del motorino”, stamattina apro la porta di casa, faccio due-passi-due e torno indietro esclamando “ah, doce vado senza le chiavi del motorino?” e TheMum puntualmente mi apostrofa “eh, siamo un po’ fuori di testa eh???”

sticazzi!!! 🙂

webtrends – license limit & upgrade

Ho risolto la questione dello sforamento di page views: è consentito sforare del 20% i limiti imposti dalla propria licenza. Se per esempio avete una licenza da 15milioni di pageviews, potete arrivare a 18milioni (15 + 20%).
E in azienda abbiamo risolto la questione dello sforamente delle pageviews…

…comprando la versione supercazzuta e convertendo le licenze. Dalla prossima settimana quindi i miei post della categoria “webtrends” saranno riferiti alla versione 7.5 Enterprise edition 🙂

I finally found the answer to question about exceeding page views: you’re allowed to exceed by a 20% of your license limit. I.E you own a 15million pageviews license, you can reach 18million (15 + 20%).
Here we’re about to upgrade our Webtrends software to version 7.5 Enterprise edition. So new posts in this category will concerne that version 🙂

oltre il capolinea…

CENTRO!In una grande azienda vivono e convivono diverse realtà, svariati personaggi. E’ piuttosto normale che alcuni siano fuori di testa, ed è altrettanto frequente vedere o sentire cose che noi umani…
mi riferisco anche (e soprattutto) a persone con uno scarso rapporto con l’acqua corrente, e la loro scia di odori e puzze; persone insospettabili che non hai mai visto lavarsi i denti dopo pranzo o che – peggio ancora – usciti dal bagno inforcano direttamente la porta senza passare dal via: il lavabo.
Esiste però un’altra categoria che si affianca alla precedente, una categoria di esseri umani disgustosi che fa della disobbedienza civile il proprio segno distintivo, facendone pagare le conseguenze a noi tutti poveri impiegati indifesi.
Se prima avevamo a che fare solo con “zebra-man”, l’uomo stanco che non ha la forza di alzare lo spazzolone per provvedere alla dovuta pulizia della ceramica durante il risciacquo, ora si sono affiancati due nuovi esemplari (oppure il signore ha affinato la propria tecnica, stanco dei cartelli minatori e delle minacce che perpetriamo).
L’omuncolo in questione non ha mai avuto le freccette da bambino, o ha una mira pessima. Oppure tende a dimezzare la quantità dei bagni disponibili sicuro del fatto che nessuno oserà mai asciugare i suoi residui, ovunque essi siano. E ancora, e poi la smetto giuro, spalma i suoi “capperi” sulle pareti del bagno invece di portarsi da leggere Topolino come facciamo tutti.

Mi viene disgusto solo a scriverle, queste cose, ma è giusto che sappiate. Casomai un giorno incontraste qualcuno della mia azienda e questi vi tendesse la mano 🙂

il capolinea della civiltà

NON LANCIARE LE NOCCIOLINE! vabeh, lasciamo stare...

Tutto questo in un locale, a Milano, dove la gente PAGA per mangiare carne alla brace e patatine SENZA forchetta e coltello 🙂

son cose…