come TAMBUrello

Adesso vi spiego come un batterista come me (SENZA batteria in casa, SENZA batteria propria, CON saletta a mezz’ora di macchina e 4 caselli d’autostrada in mezzo) si prepara per le prove:
normalmente alla fine della serata suonereccia si decide un pezzo nuovo da portare la settimana successiva. Io lo scarico e lo ascolto. e lo riascolto. poi lo ascolto di nuovo attentamente.

Beh ok, per la maggior parte dei pezzi che facciamo questo è sufficiente, i dettagli li inserisco man mano che procediamo nelle esecuzioni. 🙂
Però alcune volte devo impegnarmi di più, perchè il pezzo lo richiede: allora mentre ascolto tamburello con le dita sulla scrivania simulando i movimenti che dovrò eseguire, usando materiali diversi per avere suoni diversi e memorizzare meglio gli incastri dei colpi.
Nei casi più ostici scarico da internet le tabulazioni per batteria e le guardo mentre il winamp suona, cercando di seguire con gli occhi le note (sempre nell’ottica di capire gli incastri).
Alcune rare volte la canzone è così difficile, per me, che mi tocca aprire l’mp3 con un editor sonoro e rallentarne l’esecuzione per raccapezzarmi in mezzo alla miriade di colpi.

Beh, io a “Feeling This” dei Blink 182 mi sono dovuto arrendere immediatamente, nonostnte avessi capito che questo caso richiedeva un approcio pesante fin da subito. Non ho ancora capito adesso, dopo tre settimane, cosa DIAVOLO combina Travis Baker =:-O

E il prossimo che mi dice che i Blink 182 fanno “musichetta” lo meno 🙂

Leave a Reply

1 Comment

  1. estrellita

    🙂 poverino, devi cercare i diversi materiali per simulare una vera batteria… se vuoi ti posso prestare un gatto peloso e grasso: i tonfi vengono benissimo! 😀

Next Articlesempre più search-man