per un pelo!

Ho finalmente avuto occasione di usare il mio set per la vita di superchiaviabrugolaspaziali.

Domani parto con la moto. Quando viaggio con bagaglio personale senza passeggero, lego la borsa serbatoio sul sellino posteriore usando il ragno elastico. Ma questo a lungo andare provoca micro e macro righe sul codone della moto. QUINDI noi “precisini del cazzo” da questa vacanza abbiamo deciso di metterci sopra lo scotch da pareti, quello poco adesivo ma sufficiente a presevare intata la bellezza della vernice nuova.

Scendo, smonto anche il maniglione già che ci sono e PLINK un pezzo dell’attrezzo (che fa parte del kit di emergenza che tengo sotto la sella, ma che va più che bene per svitare le due viti della maniglia) finisce chissà dove… cerca, guarda, scruta il pezzo non si trova. allora è finito nel vano portaoggetti. NO, ALLORA è nel codone!!! niente, volatilizzato. E se è finito nel motore o in un organo di trasmissione? e se domani mentre vado a 80 all’ora cade da dove è e si infila nel pignone? o nella catena?

(ma soprattutto: perchè CAZZO tutte le volte che devi partire? e meno male che noi “precisini del cazzo” questa operazione l’abbiamo fatta 22 ore prima della partenza…)

mi armo del mitico set e tento varie vie senza successo, scrollo la moto, la inclino come mai ho fatto in vita mia (rischiando di farla cadere) nella vana speranza di udire il bastardissimo pezzo rotolare per individuarlo. alla fine smonto l’unica parte che secondo me non c’entrava una fava con tutta la faccenda, e per magia (o volere benigno del cielo) sento il tintinnìo liberatorio del metallo che cade.
Giustizia è fatta. viva i set con aggangio di sicurezza che non fa scivolare le parti. e soprattutto VIVA i precisini del cazzo!!!

P.S. domani parto. sebbene tra le due vacanze che mi concedo un passo a casa lo faccia, spengo il blog fino al 12 settembre. forse commenterò, forse no. comunque sia, buone ferie o buon rientro, a seconda…
anzi, come diceva il buon Truman

“Buongiorno a tutti, e se non dovessimo vederci anche buon pomeriggio, buonasera e buonanotte”

:)

estate 2005

E’ indiscutibilmente l’estate delle piccole cose, del vivere quieto. Dell’andare qui e là, dove ti porta il vento e l’asfalto, dello stare sempre con persone piacevoli, del mangiare bene.

Trovare case in mezzo al verde che ogni anno si trasformano, piene di balocchi. Grandi e piccoli che si scambiano i ruoli. Mangiare gli avanzi del giorno prima (buonissimi, tra l’altro) senza che nessuno si scandalizzi, così come nessuno si sogna di pulire la casa solo perchè c’è uno, dieci, cento ospiti. La casa è un crocevia di popoli vicini e lontani, si mangia sempre in almeno 10, è normale che ci sia casino e non si scandalizza nessuno :)
L’estate dell’improvvisazione, del “resti a dormire qui?” del “resta, ci penserai domani”. dei prati, della moto, dell’amaca, dei picnic e della tenda. del salame a morsi e delle macchie di sugo, anche se sei una persona importante; anzi, PROPRIO perchè sei una persona importante è ancora più piacevole vederti così, in questa veste inedita e che, lasciamelo dire, ti si addice tutta.
dei giochi, delle bocce, del pingpong, del calciobalilla e della piscina (o del fiume o del lago). delle pennichelle.

E le prossime tre settimane saranno così, in cerca ancora di queste cose. buona compagnia, chilometri, cibo buono e bei posti. le gomme un altro po’ possono reggere :)

P.S. Offresi fortissimo giocatore di Trivial Pursuit, anche Genius edition; si garantisce un buon 80% di risposte esatte in geografia, scienze, e materie “moderne”. si cerca compagno altrettanto ferrato in Lettere, Bibbia e Storia, vittoria assicurata. Contattare proprietario blog ;)

1.5.2

Ho aggiornato WORDPRESS alla versione 1.5.2. Pare che abbiano risolto alcuni bug critici, però che menata!! E’ un’operazione che mi mette sempre ansia, sebbene semplicissima. Ma ho una fottuta paura di perdere per strada qualcuna delle innumerevoli piccole modifiche che ho apportato al codice :)

la nuova copertina Intanto bisogna registrare che l’uscita del nuovo disco dei 30 seconds to mars, prevista per oggi, è stata posticipato al 30 agosto. sono indeciso se prenderlo online, in America, o tentare prima in qualche negozio vero qui a Genova… nel mentre mi inebetisco guardando all’infinito il bel contatore flash sulla homepage :P

sul disastro aereo greco

Normalmente mi faccio beffe delle varie “teorie del complotto”, infatti non credo ci sia qualcosa di clamorosamente eclatante dietro a questa vicenda, però leggendo varie cose in giro sul disastro aereo greco mi sono sorte alcune domande che voglio riportarvi qui, finchè ancora non c’è risposta:

  • alle 11:20 – i piloti militari avvistano il Boeing, che sta descrivendo nel cielo triangoli, con virate a destra, segnale convenzionale per indicare che il pilota non e’ in grado di comunicare. CHI sta facendo fare le virate, dato che alle 11:45 l’ aereo smette di compiere triangoli ed i piloti degli F-16 non vedono il comandante del Boeing ai comandi, mentre il copilota e’ accasciato sulla cloche? Risposta: il pilota prima di svenire o alcuni passeggeri, che erano in cabina (sono stati visti dai piloti dei caccia). se era o no il pilota, cosa ci facevano passeggeri in cabina? di questi tempi, si sa, è piuttosto difficile entrare in cabina di pilotaggio. Io poi non sarei in grado di far disegnare dei triangoli a un 737
  • le prime autopsie dicono che i corpi sono congelati. Allora può essere stato un calo repentino di pressurizzazione. In pochi istanti si muore congelati. Ma di nuovo, come mai alcuni erano in cabina?
  • tralasciando la coglionaggine estrema del tipo che ha fatto lo SCHERZO del SMS, come poteva questo tipo sapere ESATTAMENTE, a poche ore dall’incidente, come si erano svolti i fatti? il messaggino che si è inventato recitava così (l’han detto in TV) “Il pilota è morto, stiamo gelando, moriremo tutti, addio“; ma che le cose sono andate così lo si apprende solo in queste ore…

riporto anche pezzi di una pagina della REUTERS, emblematici perchè praticamente in contrasto uno con l’altro:

Il disastro di ieri ha lasciato perplessi gli esperti di aeronautica per quella che sembra essere stata una catastrofica perdita di pressione in cabina o nell’aerazione a 10.000 metri di quota.

Molti interrogativi rimangono aperti, a cominciare dall’impressione che l’aereo abbia volato per circa un’ora con il pilota e il copilota svenuti o morti. I media ipotizzano oggi che il velivolo abbia avuto il pilota automatico inserito mentre si avvicinava ad Atene.

Mistero anche sugli ultimi minuti del Boeing 737 della Helios Airways, che non ha attivato contatti radio quando è entrato nello spazio aereo greco, facendo levare in volo due F-16 dell’aviazione di Atene.

Secondo il portavoce del governo greco, Theodore Roussopoulos, i piloti degli F-16 decollati per verificare la situazione hanno riferito che con i piloti fuori uso ci sarebbero state altre persone che cercavano di riprendere il controllo dell’aereo.

Il ministero della Difesa greco ha detto di sospettare che il sistema di pressurizzazione o di aerazione non abbia funzionato, il che avrebbe potuto portare alla morte in pochi secondi tutte le persone a bordo.

non ha prezzo? secondo me invece ce l’ha!

viaggio fino al mare, parcheggio e rottura di palle sotto il sole: 15 euro.
affitto ombrellone e 2 sdraio: credo sui 30 (sono generoso)
due panini e 2 bibite: 12 euro.
stare in coda tutto il pomeriggio: non ha prezzo (nel senso che non è quantificabile :) )

oppure puoi preparare un’ottima pasta e altre cose buone da mangiare e bere, andare a prendere 2 amici in campagna (che a loro volta hanno delle leccornie niente male) e trascorrere con loro una splendida giornata-picnic con pennichella e mangiata sui prati.

come vieni visto dagli “altri”: un vecchio senza speranza.
come ti senti tu: un privilegiato.

ferragosto al mare, parcheggio e rottura di palle sotto il sole: okok è tutto uguale a sopra :)

oppure puoi andare in moto a trovare un’amica che sai starà tutto il giorno sola sotto il sole a lavorare e trascorrere con lei 4 ore a farle compagnia.

come vieni visto dagli “altri”: un disperato.
come ti senti tu: uno che dà il giusto senso alle cose

inZomma!!

per essere il mio primo giorno di ferie, svegliarsi già alle 9 e mezza è per me un AFFRONTO!!! >:-|

ma mi rifarò… oh si! ;)

sempre più search-man

… e Google-integrated :)

Oggi per la terza volta una persona mi ha detto “tu che sai sempre tutto…”. Non è uno scherzo, non si conoscono tra di loro. Ma d’altronde non è neanche vero che io sappia tutto. E’ che io TROVO tutto (il che è ben diverso invero). E’ una cosa che mi riempie di grande orgoglio, anche di un pizzico di vanità lo ammetto, ma mi fa piacere aiutare gli altri in modo così naturale. Ha ragione Caino: per la maggior parte del tempo io penso per keywords, non per concetti.
“con cosa posso pulire il monitor di un notebook senza rovinarlo?”
“dove trovo spazio gratuito per scambiare file?”
“perchè è meglio Firefox di Internet Explorer?”
“si possono importare le mailbox da TheBat a Thunderbird?”

Stamattina l’apoteosi: un amico è in viaggio in Inghilterra, ha bisogno di sapere una cosa (N.B. “quanto è ESATTAMENTE un gallone in litri?” ) e cosa fa, tra le tante soluzioni possibili? manda un SMS a Tambu-Google-man che, efficiente, gli risponde dopo pochi minuti.

Se non è fiducia questa… ;-)

come TAMBUrello

Adesso vi spiego come un batterista come me (SENZA batteria in casa, SENZA batteria propria, CON saletta a mezz’ora di macchina e 4 caselli d’autostrada in mezzo) si prepara per le prove:
normalmente alla fine della serata suonereccia si decide un pezzo nuovo da portare la settimana successiva. Io lo scarico e lo ascolto. e lo riascolto. poi lo ascolto di nuovo attentamente.

Beh ok, per la maggior parte dei pezzi che facciamo questo è sufficiente, i dettagli li inserisco man mano che procediamo nelle esecuzioni. :)
Però alcune volte devo impegnarmi di più, perchè il pezzo lo richiede: allora mentre ascolto tamburello con le dita sulla scrivania simulando i movimenti che dovrò eseguire, usando materiali diversi per avere suoni diversi e memorizzare meglio gli incastri dei colpi.
Nei casi più ostici scarico da internet le tabulazioni per batteria e le guardo mentre il winamp suona, cercando di seguire con gli occhi le note (sempre nell’ottica di capire gli incastri).
Alcune rare volte la canzone è così difficile, per me, che mi tocca aprire l’mp3 con un editor sonoro e rallentarne l’esecuzione per raccapezzarmi in mezzo alla miriade di colpi.

Beh, io a “Feeling This” dei Blink 182 mi sono dovuto arrendere immediatamente, nonostnte avessi capito che questo caso richiedeva un approcio pesante fin da subito. Non ho ancora capito adesso, dopo tre settimane, cosa DIAVOLO combina Travis Baker =:-O

E il prossimo che mi dice che i Blink 182 fanno “musichetta” lo meno :)

oh yeah!

shuttle landing

bravi ragazzi! ora però basta così. mandate in pensione il ferrovecchio e trovate qualcosa di più sicuro, che non si può stare 3 giorni incollati al web col cuore in gola per quella che dovrebbe essere una “normale” missione spaziale :)

festa di compleanno

Anche se un turbinìo di nick diversi ti disorienta (chiamare una persona con 3 nomignoli oltrechè il suo vero nome è veramente troppo :) ) o se metà delle persone non le conosci, non importa. Importa sempre la qualità di chi ti circonda. Se sono allegri, simpatici, burloni ti divertirai. Se poi fanno anche del menaggio un’arte ci sarà da sbellicarsi (specie se chi colpisce incassa anche di buon grado). Unire il tutto a una cena maestosa nell’abbondanza e non nella presentazione, che è sempre cosa buona e giusta specie d’estate sotto un pergolato in una casa che pare congelata a 50 anni fa, salami a morsi e paste fredde rispettose delle scelte altrui, idee regalo interessanti e calzini al barbecue…