catena culinaria

Questa è interessante, perchè ci metterò veramente ZERO a compilarla, è molto facile e me la passa Abeggi:

  • Il tuo primo ricordo di te stesso cucinando?
    Credo una pasta aglio, olio e peperoncino durante una vacanza dei miei, per non morire di fame.
  • Chi ha influenzato di più il tuo stile culinario?
    Mio padre, direi. più che altro perchè QUANDO CUCINERO’ sarò meticoloso come lui, non per altro.
  • Possiedi del materiale fotografico che possa provare un interesse precoce per il mondo culinario? te la senti di farcelo vedere?
    NO, non esiste tale materiale.
  • Hai qualche fobia culinaria? Un qualche piatto che solo a pensarci ti viene il sudore?
    Le lumache
  • Il gadget in cucina che funziona meglio / quello che ti ha deluso di più?
    la lavastoviglie / il fornetto del Mulino Bianco
  • Un abbinamento cibario strano che mi piace e che probabilmente non piace a nessun altro… Non è che non piace a nessun altro, però ogni volta mi guardano con due occhi così O_O : cmq è la granita alla menta col gelato al cioccolato.
  • Quali sono le tre cose commestibili senza le quali non potresti vivere?
    Pasta, pizza, pollo arrosto (curiosità: iniziano tutti per “P” 😛 )
  • Tre domandine al volo:
    Il tuo gelato preferito?

    Stracciatella
  • Non mangeresti mai:
    Rane e lumache
  • Il tuo piatto/firma:
    Pasta aglio olio e peperoncino
  • La cosa più assurda che hai mai mangiato:
    Io? non mi viene in mente niente di assurdissimo. Però potrei raccontarvi di quel primo gennaio quando un amico affettò una mozzarella e la pucciò nel caffellatte… 🙂

Sono in colpevole ritardo per questa catena, però forse faccio in tempo a passarla ALLA CUOCA, a GILLO e a cronachesorprese, che mi dicono essere un cuoco sopraffino 🙂

Leave a Reply

4 Comments

  1. Pingback: Silentman’s private weblog » Catena culinaria

  2. lacuoca

    accetto senz’altro, sinceramente commossa e felice d’essere un buona compagnia
    :°-)

  3. lacuoca

    fatto!

  4. Gillo # 1

    Fatto !

Next Articletecnologia per pigri