l’inventatasse

E così il lotto da oggi ha una terza estrazione. E così, all’incirca, la spesa del giocatore regolare si incrementa del 50%. Quindi, sempre a spanne, le entrate dell’Erario si spera salgano del 50%.

Vien da sè che questo calcolo è destinato a fallire, e probabilmente al Governo lo sanno, perchè il gioco è una febbre, è vero, ma non tutti sono così malati da pignorarsi la casa per giocare. Qualcuno si dimenticherà di giocare, i numeri usciranno PROPRIO QUANDO non avrà giocato, costui si arrabbierà e reagirà con un “basta, non ci gioco più”.
Da una parte sono anche contento, sia chiaro… se *DAVVERO* mi diminuissero le tasse e aumentassero solo le cose di cui mi importa poco potrei ben esserne solo che felice; ma:
1) le mie tasse non sono affatto diminuite. Apprendo da un giornale che, purtroppo, faccio parte di quella categoria che non trae nessun beneficio dalla generosità di Berlusconi.
2) siccome questi sparano ad alzo zero, è facile che becchino anche me.
3) ho già tastato con mano alcuni metodi “di ritorno” che le amministrazioni, poverine, sono costrette a usare per rimpinguare le infelici casse.

Quindi ho avuto un’idea brillante. Perchè farsi del sangue marcio ad ogni nuovo balzello, tassa, rinvio di taglio aliquota, eccetera? Perchè non fare un unico grande e DEFINITIVO aumento delle imposte (dirette, indirette, visibili e nascoste)?

vai col concorso:
INVENTA IL BALZELLO!(aut. min. rich.)

I partecipanti dovranno cimentarsi in una difficile operazione di marketing-strategico. Obiettivo del concorso è inventare il modo più semplice, pulito e legale di far tornare le casse dell’Erario ai fasti che meritano. Sono ammessi brainstorming, ma solo al di fuori di questo blog. Le soluzioni proposte dovranno essere RIGOROSAMENTE applicabili e reali. Le migliori idee saranno sottoposte al vaglio del primo Consiglio dei Ministri di Dicembre, in modo che il 2006 possa iniziare sotto la stella migliore.

Ed ecco le mie proposte:

  • Un autovelox su ogni rampa Telepass, rigorosamente tarato a 30 all’ora e sprovvisto di tolleranza (che poi se c’è la tolleranza va tarato e ‘ste zecche fanno i ricorsi al TAR, GdP, Consulta, Cassazione e menate)
  • Una data di scadenza per i pneumatici, non superiore all’anno (che così son pure più sicuri, e invece di controllare la pressione, a ‘ste zecche, gli facciamo cambiare la gomma e staranno anche più tranquilli)
  • Una tassa sul tag < body > 🙂

Leave a Reply

7 Comments

  1. Una tassa sull’usura dello spazzolino da denti. Se vieni sgamato a usarne uno da più di sei mesi, denuncia e multa.

    ….e la lira, s’impenna!

  2. hardla

    obbligo di portare sempre in giro tutti gli scontrini degli oggetti che stai trasportando, abiti compresi

  3. non male, ma so che si può fare meglio…

    tra l’altro ieri in autostrada ho pensato che l’idea del velox sulla rampa è ancora più geniale di quanto pensassi… le machine fotografiche ci SONO GIA’!!! sono quelle che usano per sicurezza quando hai qualche problema con Viacard, telepass e affini 🙂 🙂

  4. thrasher_xxx

    capitolo “deiezioni solide”.

    inzio con il proporre di contare i cm di carta igienica sprecata.
    sarò malato ma a volte mentre guardo quel panorama di merda che ho sulla mano, sulla cellulosa, e vedo che in realtà potevo risparmiare qualche ramo, qualche fetta di albero mi viene un po’ di scazzo. dura pochi secondi ma ne vale la pena sentirsi in colpa per un bisogno fisiologico.
    quindi propongo che per “passata” non si possano utilizzare più di 30 centimentri di carta e non oltre le 3 passate. [90 cm totali da gestire a piacimento]
    dalla quarta passata in su la pena non sarà scontabile in denaro ma consisterà nel piantare un abete, un pino o qualsiasi altro albero in un bosco. non valgono gli abre magique e gli aborti di plastica natalizi.
    i bambini che lanceranno i rotoloni per le scale, dalla finestra o per la casa perderanno l’uso degli arti inferiori per un mese. e anche cocacola senza caffeina per un anno.
    stessa cosa per i cani, solo che vale per i 4 arti e per le scatolette di marca. solo liddle per un anno.

    sciaquone.
    gli sciaquoni a getto continuo saranno regolati secondo una norma che permetterà l’apertura della valvola non oltre i 7 secondi [nel caso di getto forte] e 20 secondi [getto debole].
    gli sciaquoni standard, quelli da appartamento ed hotel poco stellati, potranno essere avviati una volta sola. alla seconda verrà applicata una tariffa di 150 euro più il divieto di abbeverarsi per 6 ore.

    finale.
    le bombolette spray, di qualsiasi tipo, saranno severamente vietate.
    mangiate pupazzetti di gomma profumati se volete lasciare il cesso stile “boutique del buon odore” dopo i vostri bisogni.
    La pena equivarrà ad altri 50 euro più applicazione anale di tappo in silicone per 12 ore.

    Il bidet non dovrà mai sorpassare i 3 minuti di durata.
    QUALSIASI sia la dotazione di madrenatura.

  5. Nervo

    Riforma della tassa rifiuti:

    Ogni abitante pagherà una tassa rifiuti secondo il peso dei rifiuti prodotti.
    I bidoni dell’immondizia saranno provvisti di lettore magnetico del codice fiscale e provvederanno a rilasciare scontrino con i chili di materiale depositato e relativo costo in termini d’imposta, più il totale parziale aggiornato all’ultima pesata. 🙂

  6. Ottimo la penso anche io cos�, complimenti ancora per il Vostro blog. Interessantissimo davvero

  7. Pingback: SpazioDigitale (blog) » Blog Archive » Susanna: lo spam secondo Cached.it

Next Articlea volte adoro Genova