PI(r)LSTAT

L’italia è un paese fermo. Nel quarto trimestre l’incremento del PIL è rimasto inchiodato allo 0%. E questo nonostante il 2004 abbia avuto 4 o 5 giorni lavorativi in più. Spero che questo basti a convincere il Nano supremo che lavorare di più, pardon "stare più giorni in ufficio", non serve a niente. Tanto si sa quel che fanno gli italiani in ufficio. Anzi, ora che ci penso è da qualche giorno che noto una raffica di notizie che tendono a demonizzare internet in ufficio, l’ultima è questa. Mi sa che le cose son collegate.

Vabeh, io ho ancora 42 giorni tra ferie e permessi, di quest’anno e dell’anno scorso… so cosa devo fare 🙂

Deliri

Quarto giorno di seguito a non meno di 37. Il generale Punzerstrofen mette in campo l’arma batteriologica e fa ingoiare al Tambu un pillolone antibiotico. Speriamo che la devastazione seguente spazzi via questo virus. La prossima volta comunque mi installo il NOD32.
Stanotte ho sognato tanti animaletti, in particolare 2 piccolissmi… COSI tipo scoiattoli o criceti ma piccoli piccoli che mi correvano addosso e si infilavano sempre nelle maniche… erano così allegri… 🙂

F. come Flash

F. siede alla mia destra, in ufficio. E’ un uomo giovanile, due bei bambini, simpatico. Ci sbellichiamo dalle risate quando ci racconta le sue avventure coi pargoli. Oppure quando ci narra le sue gesta giovanili nei campi più disparati: ballerino di funky, surfer, footballista americano degli albori (con tanto di foto sui giornali), snowboarder estremo , ecc. Ecco, F. è la tipica persona che inizia le frasi con "ah, io quello l’ho fatto per (n) anni" e se tu fai la somma di (n) ottieni il triplo della sua età. Tutti ne conosciamo uno così, no? eppure… eppure manco io ci credevo, ma l’altro giorno ha portato un suo video con un balletto funky. Non posso più permettermi di non credergli.

Il fatto che F. sia insostituibile in azienda, però, gli fa dimenticare il senso di dimensione delle cose. Non puoi chiedere aumenti a raffica se il tuo vicino di scrivania (non io, l’altro) guadagna la metà di te. Non puoi andare a dire al capo che vuoi XXX euro di aumento perchè ti spostano di sede e spendi di più di viaggio, quando 3 mesi prima 30 persone sono state spostate dove sei tu ora (incidentalmente allontanadole tutte da casa). Non puoi infine chiedere un portatile aziendale per giocarci durante il viaggio in treno, perchè ti si è allungato di 20 minuti.

F. è una cara persona. Ho capito il suo errore. crede che tutto il mondo giri sulla sua stessa lunghezza d’onda, o poco sotto. Oppure è bravissimo e se ne frega. L’ho capito quando, guardando insieme un comunicato sulle richieste di aumenti del contratto nazionale, legge la sua riga (la più in altro, che chiameremo per comodità E) e commenta "beh dai, tutto sommato non male. te cosa sei? D? C?" e io: "B" "BIIIIIIIII?" e resosi conto della gaffe per non aver neanche tenuto in considerazione i livelli più bassi è tornato di corsa a produrre.

ill Tambu

…che poi, chi strac**o se ne frega se le supposte fanno effetto prima? hanno inventato la Tachipirina in pastiglie, perchè i miei genitori si ostinano a comprare le supposte? tra l’altro son veramente enormi :-((((( 

CARRAMBA che sorpresa!

Ultimamente vado spesso in posta a spedire i soliti pacchi che vendo su Ebay. ma una delle prime volte l’impiegata è scoppiata a ridere perchè abbiamo il cognome uguale, ed è un cognome che non è affatto diffuso in città, anzi fino a qualche anno fa conoscevo tutti gli omonimi dell’elenco telefonico perchè parenti. A forza di apresentarmi ormai gli impiegati di questo piccolo ufficetto mi conoscono, e mi fanno anche piccoli favori, ci diamo del tu. L’ultima volta che mi ci sono recato l’impiegato urla "MARCOOOOOOOOOO lo vuoi un pezzo di torta? è il mio compleanno!!!" "ehm no grazie, ho appena fatto colazione, comunque auguri" e mentre l’impiegata omonima sbriga la mia pratica scambiamo due chiacchere cordiali. Alla fine scopriamo che anche lei è originaria dello stesso paesino siculo di mio padre, ora devo mandarcelo di persona perchè alla fine noi meridionali, scava scava, siamo sempre tutti imparentati 😉

Ah, lo spumante è buono anche se sono passati 10 minuti da che hai finito i corn-flakes, fidatevi 😉

NEVE

Speravo che i riflessi generassero un effetto ottico più carino 🙁 mi accontenterò di questo orrore.

R6

mi piace la nuova pubblicità online dell’R6. Sebbene si riferisca a un clichè vecchissimo tra i motociclisti (“ti svernicio le carene” “ho preso uno svernicione da paura da un cinquantino”) mi sembra molto azzeccata e godibile. 🙂
VROOM

LOTTO

Stavo leggendo questo articolo sui numeri ritardari, in particolare il 53 a Venezia… molto interessante anche se complicato per via delle formule matematiche… le considerazioni finali però sono interessanti, sia quelle sul Lotto irlandese che quelle sul massimo ritardo storico:
– Al Lotto irlandese si ha 1/7 di probabilità di indovinare un estratto, qui 1 su 18. L’erario paga 6 volte (pulite) la posta perchè è comunque meno di 7, che sarebbe l’equo. Qui dovrebbe pagare 17 volte, invece no: 11. E in più tassa il tutto del 6% (il 3 fino al 31/12/2004).
– Il massimo ritardo mai accumulato da un numero nella storia del Lotto è di 202 estrazioni, il famoso 8 a Roma in piena epoca fascista. La leggenda narra che Mussolini in persona avesse tolto il numero dall’urna. Ma si sa, erano altri tempi… c’era la destra al Governo, c’erano le casse dell’Erario vuote, i brogli erano all’ordine del giorno, il premier era senza capelli…

il perchè dei referral

è presto detto: mi interessano, anche se non ne faccio una fissazione come detto in qualche commento. perchè? innanzitutto perchè sono curioso di natura, e sapere cosa scrive la gente nei motori di ricerca mi dà un senso di "grande spione" legalizzato non indifferente 🙂 poi per vedere se quello che cerca la gente è *effettivamente* il mio blog o se ci capita per errore. E poi, finalmente, il motivo principale: sono interessato al funzionamento dei motori di ricerca. come e cosa indicizzano, quanto tempo passa, perchè a volte tirano fuori post vecchi di anni anche se esistono chiavi simili più recentemente. Tempo fa in ufficio cercavano un volontario per configurare e usare un programmone di statistiche sui siti che gestiamo (che sono tanti e grossi), programmone pagato profumatamente ma che nessuno si prendeva la briga di capire e far funzionare bene. PRONTI! eccomi. Vado spesso a vedere le query che li portano sui nostri siti, e il ragazzo che si occupe dell’interpretazione di queste statistiche sa che se viene nel mio ufficio ne parliamo volentieri, anche se a volte lui è una palla al piede 😉

A proposito. qualcuno dica a quel burlone che ogni mese mi trova con " foto pirsig in posti strani" che si scrive PIERCING, pirsig è uno scrittore 😉