l’ostilità

2 ore per tornare a casa, dall’ufficio coi mezzi pubblici… ma non importa, per ora, tanto leggevo… è triste quando i mastini del posto a sedere, esasperati da mezz’ora di attesa al capolinea, si scannano a morsi, ed è ancora più triste vedere come si mortificano. Aggrava tutto il fatto che la cosa avvenga tra anziani 🙁
Dopo aver fatto fuori (giustamente nel merito, un po meno nei modi e nella maleducazione) i giovani, inizia la lite… io c’ho il bambino mi faccia sedere, io sto male e mi siedo. Ma c’è un terzo anziano, visibilmente provato che ha bisogno di un posto. Io c’ho il bambino e non posso, ah io sto male e questo autobus m’è costato 50 euro, che ho perso il blocchetto dei biglietti e ho preso la multa e mi son sentita male, lo farà sedere qualcun altro. Sono parecchio a disagio, la lite cresce e qualcuno inveisce sulla signora. Che piange e dice all’incirca una cosa così (le parole esatte le ho rimosse tra pagina 265 e pagina 266 da quanto erano orrende) "ah, ora capisco a cosa SERVIVA mio marito, almeno mi portava in giro". Ora, se pensi una cosa così hai evidenti problemi mentali, se l’hai detto per fare la scenata mi disgusti il doppio. Vorrei vomitare, non riesco a concentrarmi sulla lettura 🙁 ma non è finita… più tardi una signora guadagna un posto, salvo vederselo richiedere da un invalido che sventola il tesserino. Io non l’ho visto bene quel tesserino, ma perchè questionare su una cosa così? due ragazzi e la signora, a gran voce rivolgendosi gli uni agli altri, deridono l’invalido "se faccio vedere la tessera dell’Inter va bene lo stesso?" "devi sventolarla per forza in faccia sennò non vale". Non credo che esista altro più a fondo di così. Per fortuna l’invalido ri-estrae la tessera e li zittisce. Stavolta la tessera non la guardo di proposito. non sarebbe mai stata una questione importante che fosse vera o falsa, ora lo è meno che mai.
Vedo allontanarsi velocemente quel carro-bestie, e mi convinco sempre più di aver bisogno di uno scooter; perchè non posso sprecare 3 ore della mia vita tutti i giorni sui mezzi, e perchè dopo giorni così mi sento sporco e vuoto dentro. Il solo essere ESSERE UMANO mi è estraneo.

Disgusto!

Leave a Reply

4 Comments

  1. estrellita

    ma no che è una sana iniezione di filantropia! è per questo che ogni volta che incrocio sull’autobus un politico acquista un punto 🙂

  2. consy

    hai capito mo’, perché sono circa 15 anni che sto sulle 2 ruote? 🙂

  3. Morganalarossa

    Purtroppo sono scene all’ordine del giorno. Ho visto anche far alzare una donna incinta – e anche piuttosto alla fine della gravidanza, aggiungerei – dal solito vecchietto che sventolava la tesserina, come se gli altri posti che gli stavano offrendo non fossero altrettanto appetitosi. E io stessa, solo perche’ ero una ragazzina giovane sono stata intimata ad alzarmi in malo modo. Avevo una gamba ingessata dalla caviglia all’inguine….
    E’ cosi’… che ci vuoi fare?

  4. paolone

    Pessimismo e fastidio. Confermo..viaggiare in autobus è una schifezza e soprattutto si nota il peggio della gente che raramente si offre per cedere un posto. E’ incredibile come si nota l’egoismo e l’individualità estrema, una lotta contro tutti… ‘na merda…

Next Article