DISCLAIMER!

Noto una proliferazione del disclaimer " questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita’. Non puo’ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi dell’art. 1 comma III della legge n. 62 del 7.03.2001." Ora, siccome mi pare una cosa condivisa da molti, stavo per metterlo anche io, perchè genericamente so che è connesso a quella ridicola legge che impone di mandare una copia del proprio sito alla biblioteca nazionale, se esso ha una qualche valenza informativa. Il disclaimer, mi sono detto, serve all’autore per evitare questa noia.

MA

c’è sempre un MA… perchè seguire pedissequamente l’operato altrui? prima devo capire (sottofondo: Mission Impossible)
i primi 3 comma dell’Art. 1 della suddetta legge recitano testualmente:

1. Per «prodotto editoriale», ai fini della presente legge, si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici.
2. Non costituiscono prodotto editoriale i supporti che riproducono esclusivamente suoni e voci, le opere filmiche ed i prodotti destinati esclusivamente all’informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico. Per «opera filmica» si intende lo spettacolo, con contenuto narrativo o documentaristico, realizzato su supporto di qualsiasi natura, purchè costituente opera dell’ingegno ai sensi della disciplina sul diritto d’autore, destinato originariamente, dal titolare dei diritti di utilizzazione economica, alla programmazione nelle sale cinematografiche ovvero alla diffusione al pubblico attraverso i mezzi audiovisivi.
3. Al prodotto editoriale si applicano le disposizioni di cui all’ articolo 2 della legge 8 febbraio 1948, n. 47. Il prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata, costituente elemento identificativo del prodotto, è sottoposto, altresì, agli obblighi previsti dall’articolo 5 della medesima legge n. 47 del 1948.

Orbene… il comma 3 non dice che se non c’è regolarità di aggiornamento non bisogna mandare il sito, ma esattamente il CONTRARIO, cioè che SE C’E’ regolarità di rientra nel caso dell’invio, mentre il resto è affidato al comma 1, nel quale regolarità o no, rientrano tutti i siti e tutti i blog
Non pretendo di avere in mano una verità assoluta, però se qualcuno mi spiega dove sbaglio nel ragionamento sarei più contento 🙂

E non è detto che il disclaimer non ce lo metta lo stesso, per pararmi il culo

Leave a Reply

2 Comments

  1. Landofnowhere

    Bho….. strana cosa è la Legge….

  2. elalu

    Post troppo lungo, però mi interessa il discorso, mi spiegherai..

Next Articlepuzzle