sono irrimediabilmente e definitivamente l’uomo del "DOPO"… DOPO avrei potuto fare tante cose, DOPO mi viene sempre in mente cosa dire o fare, DOPO è tutto così facile…
Oggi giretto in moto, bel giro, tutto il pomeriggio; al ritorno è tardi e si fa autostrada… arrivo al casello e c’è una coda incredibile. Poco male, noi in moto la coda non la facciamo, un signore gentile mi fa passare subito, pago ed esco… più avanti c’è un’R6 ferma che aspetta una macchina che si sposti… mi chiedo se sia il mio amico, ma sbucano dei riccioli biondi da sotto il casco… si apre un varco e mi infilo "a cannone" (come direbbe Guido Meda in telecronaca) però dopo c’è un semaforo rosso; sono fermo e con la coda dell’occhio vedo arrivare una moto, mi giro, è l’R6 di prima, e la guida una ragazza. Pare pure una bella ragazza, anche se col casco siam tutti belli (tanto non si vede niente LOL). La guardo un paio di volte e sono anche incuriosito dai suoi dischi freno wave, non ho mai visto un’R6 con gli wave… lei mi chiede se c’è un distributore in zona e io gli dico che ce n’è uno poco più avanti nella direzione dove vado io… "sai, son stata ferma mezz’ora in coda al casello e devo fare benzina" e per fortuna la mia risposta da orso rimane soffocata nel casco "beh, potevi spegnerla no?"… viene verde e riparto.
Finisce qua? SI, ESATTAMENTE!!! DOPO mi viene in mente che potevo dirgli "seguimi, ti ci accompagno", che tutto sommato anche io potevo fare benzina, che magari potevo chiedergli qualcosa sui suoi dischi wave o su quella carena bianco-blu sicuramente riverniciata… DOPO so esattamente come avrei potuto attaccare bottone, DOPO riesco a immaginarmi che magari, addirittura, avrei potuto trovare un’altra persona che si unisce ai nostri girelli in moto, DOPO so molte altre cose…
Non c’entra un kaiser, ma mi sento tanto Kevin Costner nel titolo di un suo sfortunato film passato inosservato ai più…
"L’uomo del giorno dopo"